Nella giornata di ieri è deceduto James Caan, il famosissimo attore Hollywoodiano celebre per aver recitato nel film “Il padrino”.

Ad annunciare la morte del famoso attore James Caan i suoi familiari. Il famoso attore è deceduto all’età di 82 anni. Ancora non sono note le cause che hanno condotto la star del cinema al decesso. James Caan era uno dei volti più noti del cinema americano soprattutto tra gli anni ’70 e ’90.

James divenne però particolarmente noto quando interpretò la parte di Sonny Corleone, all’interno del capolavoro di Francis Ford Coppola “Il padrino”. Grazie al ruolo nel celebre film, Jams Caan ottenne una candidatura agli Oscar. Ma la parte nel film “Il padrino” non fu l’unica importante durante la sua carriera cinematografica.

Cinema

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I film a cui prese parte l’attore

Tra i vari film a cui prese parte, anche quello intitolato “Strade violente” diretto da Michael Mann nel 1981 e poi “Misery non deve morire” diretto nel 1990 da Rob Reiner. James Caan vantava una carriera lunga e di successo, che venne momentaneamente interrotta a causa da una dipendenza da cocaina, per poi tornare sugli schermi.

James Caan era di origini italoamericane. Era ebreo, figlio di due genitori ebrei di origine tedesca. Nacque il 26 marzo del 1940 nel Bronx. Da giovane, durante i tempi del college, vantava una carriera come giocatore di football, ma trovò la sua strada recitando.

Il suo primo ruolo fu quello di un marinaio, nel film intitolato “Irma la dolce” del 1963, diretto da Billy Wilder. A dare triste annuncio della sua scomparsa, la sua famiglia, senza però entrare nei particolari. Ma adesso è venuto il momento di salutare l’attore, che si lascia alle spalle una lunga e brillante carriera. Durante un’intervista, l’attore hollywoodiano disse: «non c’è nulla di più noioso degli attori che parlano di sé».

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 08-07-2022


Assolto dall’accusa di stupro per “invito a osare”

Sharm El Sheik, rientrano in Italia i genitori del piccolo deceduto