Alle 12 locali è scattato il cessate il fuoco nel Nagorno Karabakh, la regione tra Armenia e Azerbaigian. L’accordo è stato mediato dalla Russia.

EREVAN – Dalle 12 ora locale (le 10 italiane) nel Nagorno Karabakh è in vigore il cessate il fuoco.

Cessate il fuoco

L’accordo per la tregua nell’area azera contesa dai separatisti armeni è stato raggiunto grazie alla mediazione della Russia. Secondo quanto ha annunciato in nottata il ministro degli Esteri di Mosca, Sergei Lavrov, i due Paesi si sono anche impegnati ad avviare “colloqui sostanziali con lo scopo di raggiungere una soluzione pacifica il prima possibile“. Lavrov ha aggiunto che tali colloqui saranno mediati dal gruppo di negoziatori internazionali di Minsk.

https://www.youtube.com/watch?v=8kEpLletYTo&ab_channel=AlJazeeraEnglish

Nagorno Karabakh, tra Azerbaigian e Armenia

Lo scontro tra le due ex repubbliche sovietiche del Caucaso è la crisi più grave da quasi trentanni a questa parte. Nel 1991, infatti, Azerbaigian e Armenia combatterono una sanguinosa guerra per procura che ha lasciato in terra circa 30.000 morti, dopo che i separatisti armeni hanno preso il controllo della regione azera del Nagorno Karabakh, poco dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Dal 1994 è in vigore un accordo di cessate il fuoco fra i due Paesi, che però non sono mai arrivati a una pace, malgrado la mediazione di Stati Uniti, Francia e Russia attraverso il cosiddetto Gruppo di Minsk.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Armenia azerbaigian Caucaso cessate il fuoco Nagorno-Karabakh

ultimo aggiornamento: 10-10-2020


Coronavirus in Italia, l’epidemia accelera. Primi segnali di criticità significativi

Chi era Anton Wilhelm Amo e perché Google gli ha dedicato un Doodle