Il boss Antonio Orlando è stato arrestato a Napoli. L’uomo – latitante da 15 anni – non ha opposto resistenza ai carabinieri.

NAPOLI – È terminata la latitanza del boss della Camorra Antonio Orlando. L’uomo – ricercato da 15 anni – è stato arrestato nella mattinata di martedì 27 novembre dai carabinieri in una palazzina a Mugnano di Napoli. Il fermato era stato inserito tra gli uomini più pericolosi d’Italia e su di lui pendevano le accuse di associazione di tipo mafioso.

Carabinieri
fonte foto https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Napoli, in manette il boss Antonio Orlando

L’operazione è stata effettuata dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna. Gli inquirenti durante la perquisizione nell’appartamento di Antonio Orlando hanno trovato una sauna, una doccia solare e un tapis roulant. Il boss ha cercato di dare fuoco ad una documentazione presente nella casa senza successo. Tra i fogli ritrovati anche una carta d’identità con la sua foto e un nome diverso, una tessera universitaria e un codice fiscale.

Il fermato – hanno sottolineato nella conferenza stampa i militari – non ha opposto resistenza ma ha immediatamente alzato le mani in segno di resa.

L’operazione è stata seguita con molta attenzione anche dai vertici politici. Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, si è complimentato con i carabinieri: “Anche per lui – scrive il vicepremier sulla propria pagina Facebookla pacchia è finita. Grazie alle Forze dell’Ordine e agli investigatori: ci fanno iniziare bene la giornata e ci fanno essere più orgogliosi di loro“.

Molto soddisfatto anche il sottosegretario di Stato alla Difesa, Angelo Tofalo: “Complimenti ai carabinieri – dichiara riportato da Sky TG24che all’alba di stamattina hanno arrestato nel suo covo di Mugnano, il boss della camorra Antonio Orlando, tra i ricercati più pericolosi d’Italia, latitante da ben 15 anni. Grazie agli uomini e alle donne dell’Arma, il Paese è orgoglioso di voi”.

Di seguito il post di Matteo Salvini su Facebook

Arrestato dai carabinieri poche ore fa il reggente degli ''Orlando-Nuvoletta-Polverino'' di Napoli, era latitante da 15…

Pubblicato da Matteo Salvini su Martedì 27 novembre 2018

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
antonio orlando camorra cronaca Napoli scelte della redazione

ultimo aggiornamento: 27-11-2018


Bologna, 93enne uccide la moglie malata e poi si lancia dal terzo piano

Corruzione a Trapani, in manette quattro persone