Due persone sarebbero state uccise nel corso di questa mattina, in un appartamento di via Montale, rione Fiat di Ponticelli, a Napoli Est.

Si tratta di Carlo Esposito, 29 anni, e Antimo Imperatore, 56 anni; uno dei due si trovava sull’uscio. Probabilmente i sicari hanno fatto irruzione in casa. Esposito sarebbe vicino al clan De Micco, mentre dalle prime risultanze Imperatore non sarebbe legato al clan e potrebbe quindi essere stato ucciso per errore, mentre si trovava in quell’appartamento al piano terra per effettuare dei piccoli lavori di manutenzione. In mattinata, un uomo si è costituito ai carabinieri, la sua posizione è al vaglio della Procura.

Carabinieri macchina
Carabinieri macchina

Sul posto, i carabinieri per i rilievi e per l’avvio delle indagini. Esposito sarebbe legato al clan De Micco; era stato arrestato nel 2018 dalla Polizia durante una perlustrazione nel rione Fiat e accusato di avere fatto parte della banda che aveva messo a segno una stesa in via Montale pochi giorni prima, il 25 giugno, e che era riuscita a sfuggire agli agenti; secondo le indagini, di quel gruppo aveva fatto parte anche Francesco De Martino, dell’omonimo gruppo criminale, che nel pomeriggio di quel giorno era arrivato al Pronto Soccorso con una ferita da arma da fuoco.

L’area dove è avvenuto l’agguato di questa mattina è ritenuta sotto il controllo criminale dei De Martino, gli “XX”, alleati con i De Micco e impegnati, ormai da mesi, in uno scontro aperto con i De Luca Bossa, questi ultimi supportati dal gruppo Casella. Il duplice omicidio è avvenuto proprio nelle ore in cui venivano notificati i fermi per la stesa del 2 luglio.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 20-07-2022


Covid, bimba di 4 anni muore: non aveva problemi di salute

Liliana Resinovich, l’amante della donna parla della loro storia