Mercoledì a Roma Napoli-Juventus per la finale di Coppa Italia. Nell’unico precedente (2012) vittoria dei partenopei. I due club si sono contesi anche tre supercoppe.

Sarà dunque Napoli-Juventus! Dopo il ritorno della seconda semifinale di Coppa Italia, sono gli uomini di Gattuso a strappare il pass per la finalissima di Roma in programma mercoledì 17 giugno. Per il tecnico calabrese e per Sarri c’è in palio il primo trofeo italiano in carriera. L’ultima edizione è stata vinta dalla Lazio che ha superato l’Atalanta per 2 a 0.

Napoli-Juventus, l’unico precedente

I partenopei sono alla loro decima finale del torneo (5 vittorie, l’ultima nel 2014) mentre i primatisti bianconeri arrivano a quota 19 (13 trofei in bacheca, il più recente datato 2018). Eppure, esiste un solo precedente in finale di Coppa Italia: era il 20 maggio 2012 quando la formazione allenata da Mazzarri mandava ko i freschi campioni d’Italia di Conte per effetto dei gol di Cavani (rigore) e Hamsik. Ora, dopo otto anni, la Vecchia Signora può prendersi la rivincita.

https://www.youtube.com/watch?v=XT0PYyQx1to

Le finali di Supercoppa: 2 a 1 per i campani

Allargando i precedenti in finale a ciò che riguarda la Supercoppa, i due club si sono affrontati tre volte. E anche qui il Napoli è in vantaggio con due affermazioni a una.
Nel 1990, alla terza edizione, Maradona e compagni surclassano al “San Paolo” i bianconeri di Maifredi con un clamoroso 5 a 1!
Nel 2012, appunto, i campioni d’Italia bianconeri contro i vincitori della Coppa Italia: finale a Pechino, prevale la Juventus ai supplementari in un match infuocato, con la formazione campana che diserta la premiazione in protesta per l’arbitraggio di Mazzoleni.
Nel 2014, infine, l’ultimo precedente assoluto: a Doha, in Qatar, grandi protagonisti Tevez e Higuain con una doppietta a testa; poi si va ai rigori e qui, alla nona serie, è decisivo il penalty sbagliato da Padoin.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Spadafora frena sulla ripresa del calcetto: “Non so quando ripartirà”

Bologna, giocatori e staff rinunciano a una mensilità