Napoli-Lipsia, la conferenza stampa di Sarri: “L’Europa League è una follia”

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

La conferenza stampa di Sarri alla vigilia di Napoli-Lipsia, andata dei sedicesimi di Europa League.

Follia. Con questo termine Maurizio Sarri, nella conferenza stampa della vigilia di Napoli-Lipsia, ha fatto intendere cosa pensi veramente dell’Europa League. Almeno per com’è strutturata oggi. Un pensiero che va a confermare la sensazione che al Napoli della coppa europea ormai interessi relativamente. Queste le parole del tecnico: “Le motivazioni dobbiamo trovarle. Siamo 18 con i tre portieri, ci sono difficoltà numeriche, ma cercheremo di fare una partita seria, competitiva, senza inficiare il campionato. Dovremo accettare lo stress fisico, questo avversario richiede una gara d’alto livello. Limitiamo almeno quello mentale“.

Napoli-Lipsia, la conferenza stampa di Sarri

Il tecnico azzurro ha quindi chiarito il suo pensiero sull’Europa League: “È una manifestazione al limite della follia, con tutto il fascino dell’Europa. Giochiamo alle 21.05 giovedì e rientriamo in campo dopo 60 ore. La Lega non ci aiuta, il Lipsia ha giocato prima e poi giocherà lunedì, come stress è al limite della follia, ma è la seconda competizione europea ed a sempre il suo fascino. Ci può portare dello stress a lungo periodo, ma ora guardiamo solo a domani sera“.

Sarri e i complimenti al Lipsia

Sarri ha quindi parlato dell’avversario di domani: “Può venire fuori una gara scoppiettante. La squadra tedesca è brillante, hanno tante accelerazioni. Gli esterni hanno qualità, Bruma salta tutti con facilità, gli attaccanti sono di livello, a centrocampo qualità e quantità con Kamp e Demme. Ha folate di grande divertimento, mi è piaciuta vederla per preparare la partita. Mi ha sorpreso sia uscito dalla Champions, ha qualità per fare strada. È una squadra veramente forte“.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 14-02-2018

Mauro Abbate