Parla il difensore centrale del Napoli Rrahmani, riferendo che la corsa scudetto si allarga anche ad Atalanta e Juventus.

Così il centrale del Napoli, Amir Rrahmani parla ai microfoni di Radio Kiss Kiss. Ecco le sue parole in vista del Milan:

“Col Milan proveremo a non subire reti. Tenere la porta inviolata è un obiettivo fondamentale per noi difensori e per il portiere. Ringrazio i tifosi che ci supportano, coloro che ci hanno sostenuto nei momenti di difficoltà. Loro sono veri tifosi”.

Aggiunge il difensore: “La parola scudetto non la pronunciano tanto – rivela ancora – perché siamo consapevoli che è ancora presto per parlarne. Insigne? È un giocatore importante per noi. Ha segnato rigori, ha fatto assist e ora speriamo che continui a segnare su azione”.

Serie A
Serie A

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Continua l’intervista del difensore Rrahmani

Così il centrale del Napoli, Rrahmani continua la sua intervista: “Con la Lazio è stata una vittoria importante per continuare a stare in alto in classifica. Ora le partite sono tutte importanti. Ci potrebbero essere almeno 4-5 squadre per lo scudetto. Anche Atalanta e Juve possono rientrare. Può succedere di tutto. Noi vogliamo essere ricordati come eroi come disse Spalletti – rivela Rrahmani -. Ci proveremo fino all’ultimo. Vincere all’ultimo momento è sempre bello a prescindere. Noi vogliamo vincere tutte le partite. Anche se avessimo perso a Roma ci avremmo provato”.

Conclude: “Sappiamo che domenica ci sarà un grande pubblico. Noi ci stiamo allenando con grande concentrazione. Non è l’ultima partita, sono tutte importanti. Siamo una squadra in cui tutti possono risultare decisivi con un gol. Anche quando avevo poco spazio credevo nelle mie capacità. Spero di continuare così e magari fare meglio. Ho bisogno di continuità. Giocare con Koulibaly è più facile. E’ un grandissimo”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news

ultimo aggiornamento: 03-03-2022


PSG, Leonardo: “Ibrahimovic? ha provato più volte a tornare”

Russia: ricorso al TAS contro l’esclusione della Nazionale