Napoli, Sarri: “A volte De Laurentiis svalvola, ma in altre società c’è più da sopportare…”

Il tecnico dei partenopei dal ritiro a Dimaro: “Per l’anno scorso c’è un pizzico di rammarico, ma non ho grossi rimorsi“.

chiudi

Caricamento Player...

Il Napoli ha da cinque giorni iniziato il ritiro a Dimaro-Folgarida. In attesa della prima amichevole, ha parlato questa sera Maurizio Sarri, rispondendo ad alcuni tifosi. Queste le sue parole, riportate dalla Gazzetta dello Sport: “De Laurentiis è molto liberale, non mi ha mai vietato di andare in tuta e non si impone su niente. Ha le sue idee, in certi momenti le esprime in un certo modo, ma basta conoscere le persone. Ha dei momenti in cui può svalvolare, ma se lo senti al telefono il giorno dopo è tornato la persona calma di prima. Lo scorso anno? C’è un pizzico di rammarico per aver sbagliato qualcosa, nella consapevolezza che facendo tante scelte tutti i giorni qualcosa si sbaglia. Anche io ho sbagliato qualcosa, ma grossi rimorsi no“.

Sarri: “In Italia rimanere nella stessa società a lungo è difficile

Prosegue quindi il tecnico partenopeo: “Sto bene nel mio ruolo attuale, non mi interessa essere un allenatore-manager, mi interessa il lavoro del campo. Io mi trovo bene in questo momento. Il calcio italiano è diverso da quello inglese. In Italia stare nella stessa società per tantissimo tempo è difficile, in ogni caso nessuno mi toglierà la soddisfazione di aver allenato in questa società e in questa città. Mercato? Sarei presuntuoso a parlare di nomi con persona che conosce tutti i calciatori del mondo. Arrivano ragazzi che anche io non conosco, ma va bene così. Il mio compito è quello di migliorare i giocatori che mi mettono a disposizione“.

Ounas e il lavoro in banca

Sul paragone tra il lavoro in banca e quello sul campo: “In banca ho fatto contrattazioni interbancarie in cambi, ero uno di quei pazzi scatenati che facevano queste cose. Di sicuro sono ruoli diversi. Chi butterei dalla torre tra Rizzoli, De Laurentiis e Higuain? Beh, Rizzoli, perché è quello a cui voglio meno bene…“. Sul nuovo acquisto Ounas: “Non lo conosco benissimo, la sensazione è che il ragazzo possa fare l’esterno su tutte e due le fasce. Bonucci al Napoli? No grazie, ho Tonelli e Maksimovic, e in forma possono fare davvero bene. La Var? Discorso ancora da valutare e chiarire, non mi sembra che i primi tentativi siano stati di grande livello. Dovranno essere dichiarati i nomi di quelli che staranno davanti alla tv, perché voglio sapere i nomi di quelli che giudicheranno le nostre sorti“.