I Talebani da tempo hanno una fitta rete di traffico di oppio e eroina diretta in tutta l’Asia e l’Europa.

Non è un mistero che i fondamentalisti islamici trafficassero oppio ed eroina, ma dopo la presa del potere in Afghanistan hanno reso questo stato il luogo nevralgico del narcotraffico. L’85% dell’oppio di tutto il mondo proviene dall’Afghanistan dove la produzione sta aumentando grazie allo stato di diritto che ha acquisito con la presa del potere dei Talebani.

Nel 2021 la produzione di oppio è aumentata dell’8% rispetto all’anno precedente. Otto consumatori su dieci in tutto il mondo fa uso di oppiacei afgani. Inoltre, il narcotraffico frutta profitti molto elevati alle casse dello stato afghano. Un fatturato di circa 2 miliardi nel 2021, fatturato che va crescendo grazie alla catena di approvvigionamento della droga fuori dall’Afghanistan arrivando a circa 40 miliardi.

Come ha rivelato Der Spiegel, il traffico di eroina è aumentato sensibilmente da quando gli americani hanno lasciato il paese in mano ai Talebani. Dal settembre 2021, quando le forze Usa hanno lasciato l’Afghanistan il traffico è aumentato del 70%. Ma il narcotraffico nel paese asiatico non si limita a oppio e a eroina, insieme ai due oppiacei cresce la produzione di metanfetamine e altre droghe sintetiche.

Soldato talebani
Soldato talebani

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il nuovo commercio di metanfetamine

Secondo un rapporto delle Nazioni Unite il narcotraffico e la produzione di droga sono le fonti primarie di reddito dei Talebani. La crescente produzione di metanfetamine complica il quadro per l’estirpazione del potere dei talebani. In Afghanistan da qualche anno producono metanfetamina purissima ricavata da una pianta spontanea con costi quindi ridottissimi.

La situazione sembra peggiorare anche a causa delle lotte tra Talebani e Isis che stanno devastando un paese già profondamente scosso da troppi anni ormai. Il regime afghano sta portando ancora più insicurezza e terrore nel paese venendo meno alla promessa di sicurezza che avevano fatto all’indomani della ripresa di Kabul.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-05-2022


L’Ue vuole sanzionare il patriarca Kirill

Santoro: “La stampa italiana è schierata con le posizioni interventiste”