A Polignano a Mare il Natale si paga. Il Comune ha istituito una card che consente di entrare e visitare il centro storico della città resa famosa da Checco Zalone.

POLIGNANO A MARE (BARI) – A Polignano a Mare, in provincia di Bari, il Natale si paga. La città resa famosa da Checco Zalone nei suoi film ha deciso – come riporta la Gazzetta del Mezzogiorno – di introdurre una card da 5 euro che permette di entrare nel centro storico del paesino e visitare tutte le bellezze. Fino al weekend dell’Immacolata il provvedimento resterà in vigore solamente il weekend mentre successivamente l’ingresso sarà a pagamento ogni giorno.

Polignano a Mare
fonte foto https://twitter.com/micheleemiliano

Polignano a Mare, il sindaco si difende ma le polemiche non mancano

Una decisione che ha suscitato polemiche tra i cittadini e non solo. Sul web molte persone si sono chieste se fosse giusto limitare uno spazio pubblico. Una scelta che il sindaco, Domenico Vitto, ha giustificato dicendo che è “un provvedimento che serve a incentivare l’arrivo di turisti stranieri. Sono molte le prenotazioni telefoniche che ci sono arrivate e nei prossimi giorni dovrebbero giungere in città un gruppo di turisti coreani.

L’ingresso a pagamento è stato già utilizzato in altri eventi come per esempio possono essere i tuffi dalle grandi altezze. L’iniziativa ha avuto un grande successo e l’amministrazione comunale spera di ripetersi anche in questo Natale.

Polignano a Mare: da Checco Zalone a un Natale a pagamento

Un Natale a pagamento a Polignano a Mare. La città è divenuta famosa grazie ai film di Checco Zalone. È proprio da qui che è iniziata l’avventura cinematografica del comico pugliese. In Cado dalle Nubi un giovane cantautore decide di lasciare la cittadina per trasferirsi a Milano. Un grande successo che ha permesso al paesino in provincia di Bari di aumentare il flusso di turisti. E proprio per questo si è deciso di regolamentare l’accesso al centro storico.

fonte foto copertina https://twitter.com/micheleemiliano


Rimini, scossa di terremoto di magnitudo 4.2

Allerta meteo in Sardegna, scuole chiuse a Sassari e ad Alghero