Migranti, nuovo naufragio a largo di Tripoli

Nuovo naufragio di migranti nel Mediterraneo. Affondata a largo di Tripoli un’imbarcazione con venticinque persone a bordo.

TRIPOLI (LIBIA) – L’emergenza migranti non si ferma. Nella serata di venerdì 18 gennaio 2019 ennesimo naufragio nel Mediterraneo. Un’imbarcazione con a bordo 25 profughi è affondata a largo di Tripoli. Il bilancio ufficiale parla di tre morti ma il numero potrebbe aumentare visto che i dispersi sono una ventina.

Tre naufraghi sono stati salvati dalla Marina Militare italiana intervenuta per cercare di aiutare i profughi. L’esercito ha lanciato due zattere in mare riuscendo a salvare alcuni migranti ma dopo è dovuto tornare alla base per mancanza di carburante. Si cercano i dispersi con i sopravvissuti che sono in gravi condizioni all’ospedale di Lampedusa. Un naufragio dovuto alla mancanza presenza di ONG in mare con l’SOS che è arrivato da un aereo che collabora con la Sea Watch.

Secondo quanto raccontato da Repubblica, la centrale operativa di Roma avrebbe negato i soccorsi perché l’imbarcazione si trovava in acque libiche. La situazione è precipitata all’improvviso con la Marina Militare che è stata costretta ad intervenire per cercare di salvare più vite possibili.

Migranti
Fonte foto: https://www.facebook.com/marco.todarello.18

Migranti, nuovo sbarco a Lampedusa: 68 profughi arrivati in buone condizioni

La barca naufragata a largo di Tripoli non era l’unica nel Mediterraneo. Nelle prime ore di oggi una piccola imbarcazione con a bordo 68 migranti è stata tratta in salvo a largo di Lampedusa dalla Guardia Costiera italiana. I profughi sono stati portati a terra e sembrano in buone condizioni.

L’emergenza migranti continua nonostante la politica dura dell’Italia e di altri Paesi. I dati dell’OIM parlano chiaro. Il numero di profughi arrivati in Europa in questi primi giorni del 2019 è aumentato rispetto all’anno precedente. Proprio per questo i leader sono chiamati a trovare una soluzione nelle prossime settimane.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/raffaele.masto.7

ultimo aggiornamento: 18-01-2019

X