Naufragio di migranti al largo della Tunisia. Il bilancio è di almeno di 6 morti e 30 dispersi.

ZARZIS (TUNISIA) – Naufragio di migranti al largo della Tunisia. Secondo quanto riferito da La Repubblica, il barcone era partito dalla Libia qualche ora prima ed avere come destinazione l’Europa. Purtroppo, però, il viaggio si è interrotto al largo della città di Zarzis.

Il bilancio è di almeno 6 morti. Il numero è destinato a salire visto che sono oltre 30 i dispersi e le ricerche continuano per trovare almeno i corpi visto che le speranze di ritrovarli in vita sono davvero poco. Sono, invece, 34 i sopravvissuti al naufragio.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Migranti, Geo Barents in attesa di un porto

La situazione nel Mediterraneo continua ad essere molto critica. Le partenze dalla Libia non si fermano e la Geo Barents, nave di Medici Senza Frontiere, è ancora in attesa di un porto per poter sbarcare le oltre 430 persone che sono a bordo, tra loro anche un centinaio di minori.

Malta ha detto di no alla richiesta della ONG e non ci sono state risposte da parte di Roma e degli altri Stati europei. Nelle prossime ore non si esclude la possibilità di un nuovo contatto con il Viminale per provare ad avere il via libera all’attracco in un porto italiano.

Migranti
Migranti

Il fenomeno dell’immigrazione sul tavolo dei leader europei

Questo fenomeno sicuramente resta ancora sul tavolo dei leader europei. Il premier Draghi da tempo spinge per una soluzione comune nel Vecchio Continente, ma l’accordo non è semplice vista la posizione diversa. Sicuramente nei prossimi vertici si affronterà questo argomento per provare ad arrivare ad un compromesso.

Si tratta, come ormai sappiamo da tempo, un tema molto delicato e per questo motivo la speranza è quella di poter trovare l’accordo il prima possibile per mettere fine a questa emergenza.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 27-01-2022


Giorno della Memoria, Mattarella: “Prevenire e combattere ogni germe di razzismo. A partire dai banchi di scuola”

Incidente sul lavoro nel Ragusano, morto un operaio agricolo