La donna con la doppia cittadinanza, britannica e iraniana era detenuta in Iran dal 2016 e oggi è stata liberata.

L’Iran ha liberato e lasciato andare Nazanin Zaghari-Ratcliffe, detenuta nel paese dal 2016. Ad annunciarlo la deputata britannica Siddiq che rivela che Zaghari-Ratcliffe si è recata subito all’aeroporto di Tehran e è in procinto di partire per il Regno Unito. La donna era stata incriminata dal governo iraniano mentre lavorava per una ong. Nazanin formava giornalisti e blogger in Iran. Le autorità l’avevano condannata a cinque anni di carcere con l’accusa di aver «cospirato contro il governo iraniano».

bandiera Iran
bandiera Iran

Quando nel marzo del 2021 aveva finito di scontare la pena di cinque anni agli arresti domiciliari, fu incriminata di nuovo. Dopo solo una settimana un tribunale iraniano l’ha condannata ad altri dieci anni di carcere. L’accusa questa volta era di aver preso parte a una protesta contro il regime iraniano 12 anni prima. Suo marito Richard Ratcliffe, l’anno scorso ha fatto 21 giorni di sciopero della fame per attirare l’attenzione sul caso di sua moglie.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La liberazione di Zaghari-Ratcliffe

Questo aveva mobilitato una delegazione britannica che negli ultimi giorni si era recata in Iran. Le autorità britanniche hanno richiesto la liberazione di Nazanin Zaghari-Ratcliffe. La liberazione è avvenuta in tempi abbastanza brevi, infatti domenica la donna aveva di nuovo il suo passaporto. La liberazione si pensa sia dovuta ad un accordo raggiunto tra Regno Unito e Iran. Non si tratta del primo caso di detenzione di anglo-iraniani. «Speriamo sinceramente – ha spiegato Sacha Deshmukh, amministratore delegato di Amnesty International UK- che questi rapporti siano corretti. I detenuti e le loro famiglie soffrono da anni e una soluzione non può arrivare abbastanza in fretta. È chiaro da molto tempo che le autorità iraniane hanno preso di mira cittadini stranieri con accuse spurie relative alla sicurezza nazionale per esercitare pressioni diplomatiche.”

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-03-2022


Psicosi supermercati: prodotti razionati

I gruppi Facebook dei polacchi per aiutare i profughi ucraini