Gli inquirenti hanno individuato Franco Terlizzi, ex pugile e pr di un locale a Milano, come prestanome del figlio di Pepè Flachi.

Le forze dell’ordine hanno condotto un arresto nei confronti dell’ex pugile Franco Terlizzi, nonché volto conosciuto nel panorama televisivo italiano. L’arresto è avvenuto questa mattina durante un’operazione contro l’ndrangheta a Milano. Gli arresti condotti dalle forze dell’ordine nella mattinata di oggi sono in tutto tredici.

A condurre le indagini i Nuclei di Polizia Economico-Finanziaria della guardia di finanza nell’ambito di un’operazione contro l’ndrangheta. Tra gli arresti, anche quello del noto Franco Terlizzi. La sua notorietà nel panorama televisivo italiano è data dalla partecipazione di programmi come l’Isola dei Famosi.

Droga

Gli inquirenti hanno individuato Terlizzi, ex pugile e pr della discoteca Hollywood di Milano, come prestanome del figlio di Pepè Flachi, il boss della Comasina morto lo scorso gennaio 2022. Le indagini continuano, e nel frattempo le forze dell’ordine hanno predisposto – oltre ai fermi – un sequestro preventivo d’urgenza che riguarda un negozio di articoli sportivi e una carrozzeria.

Quest’ultima veniva utilizzata per riparare auto in danno di istituti assicurativi. Entrambe le attività hanno sede a Milano. Secondo quanto emerso dalle indagini, le due attività sarebbero collegate a Davide Flachi, figlio di Pepè per cui Franco Terlizzi avrebbe fatto da prestanome.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le rotte della droga e il contrabbando di artiglieria pesante

Oltre alle attività abusive, gli inquirenti hanno scoperto anche alcune rotte della droga che Terlizzi spacciava: cocaina hashish e marijuana. Grazie a questa scoperta i finanzieri hanno potuto condurre diversi sequestri all’interno della Svizzera.

Ricostruiti inoltre anche degli episodi di estorsione nei confronti di alcuni clienti morosi. Tra le altre cose, le fiamme gialle hanno anche identificato un traffico di armi, molte di queste da guerra: sequestrati numerosi Kalashnikov nell’arsenale. Cellule calabresi e balcaniche si occupavano di procurare l’artiglieria pesante.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-09-2022


Strage in Canada: trovato morto uno dei due killer, l’altro è in fuga

Suicidio di Alessandro, altre due ragazze nel registro degli indagati