Proseguono senza sosta i negoziati sulla Brexit. Da sciogliere il nodo della pesca. Il ‘no deal’ è sempre possibile.

LONDRA (INGHILTERRA) – Proseguono senza sosta i negoziati sulla Brexit. Le distanze tra Unione Europea e Gran Bretagna non sono state ridotte e si continua a trattare per cercare di evitare il no deal.

Sono diversi ancora i nodi da sciogliere. Il principale resta quello della pesca e nei prossimi giorni ci potrebbero essere dei nuovi incontri per sbloccare la situazione. L’accordo dovrà essere trovato entro il 31 dicembre, altrimenti dal giorno dopo la Gran Bretagna potrà uscire senza la fumata bianca.

La Francia: “I negoziati continuano”

Ursula von der Leyen ha preso la pratica in mano per trovare l’accordo, ma continuano le singole trattative degli Stati per arrivare alla fumata bianca: “La posta in gioco è molto alta – hanno detto da Parigi, riportato dall’Ansagli accordi riguardano settori come la pesca o condizioni della concorrenza per le nostre imprese sul lungo periodo. Sappiamo che è difficile, a volte complicato da capire, ma è necessario in alcuni casi prendersi del tempo e non sacrificare i nostri interessi per una scadenza“.

I negoziati, dunque, proseguiranno per cercare di arrivare ad un accordo ed evitare il lockdown.

Boris Johnson
Boris Johnson

Accordo entro il 31 dicembre

Per evitare il no deal bisognerà trovare un accordo entro il 31 dicembre. L’intesa, però, non significa per la Gran Bretagna uscire dall’Unione Europea con la fumata bianca.

Un eventuale accordo dovrà essere approvato dall’Eurogruppo e solo dopo si potrà dire di essere riusciti a scongiurare il no deal. I negoziati proseguiranno nei prossimi giorni per cercare di arrivare all’intesa definitiva sulla Brexit. Siamo ormai arrivati alla volata finale e l’uscita senza accordo resta una delle possibilità reali per la Gran Bretagna. Una fumata nera che potrebbe dare problemi ad entrambe le parti.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
brexit economia politica

ultimo aggiornamento: 20-12-2020


Accordo sul Recovery Fund, per l’Italia aumenta l’acconto

Emmanuel Macron, il presidente della Francia in carica dal 2017