Milan-Roma, l’1-1 del 2004 con i gol di Shevchenko e Montella

Nel campionato 2004/05, Milan-Roma non è più match scudetto come nella precedente stagione. Nell’andata, a San Siro, i giallorossi impongono il pari ai rossoneri con il gol di Montella che risponde a Shevchenko.

chiudi

Caricamento Player...

Tra poche ore, alle 18, ci sarà il fischio d’inizio di Milan-Roma. Una gara molto delicata per i rossoneri, con il tecnico Montella sotto la lente di ingrandimento dopo le ultime opache prestazioni del Diavolo. Per l’Aeroplanino, fra l’altro, non sarà una gara come tutte le altre, vista la lunga militanza in giallorosso da calciatore.

Milan-Roma, 7/11/2004

L’ultima volta che Milan-Roma ha avuto il sapore della sfida ai vertici per la vittoria dello scudetto è stata nel 2004, con la squadra di Ancelotti che vinse il titolo nazionale proprio nello scontro diretto, grazie a un colpo di testa di Shevchenko su assist di Kakà. Nella stagione successiva, la formazione capitolina vive una fase di ridimensionamento, con gli addii di Capello e Emerson in direzione Juventus. In ogni caso, la Roma ha sempre elementi molto validi, soprattutto in attacco.

Apre il solito Shevchenko

L’avvio di Milan-Roma del 7 novembre 2004 vede i rossoneri spingere sull’acceleratore. Già al 6′, infatti, Shevchenko traduce in rete un cross al bacio dell’ex Cafu con un colpo di testa preciso che non lascia scampo a Pelizzoli. Il Milan sembra avere il match in pugno ma Tomasson e il solito Shevchenko non concretizzano: le conclusioni peccano di imprecisione. E così all’intervallo i rossoneri conducono per una lunghezza.

L’infallibile Montella

A inizio ripresa, dopo appena tre giri di orologio, la Roma pareggia. Mancini arriva in area, Nesta chiude ma sul rimpallo la sfera giunge a Montella: l’attaccante giallorosso supera Dida con un pallonetto che però si stampa sulla traversa; sulla ribattuta c’è sempre il centravanti campano che mette in rete da due passi. Il Milan si butta a capofitto all’attacco ma i tentativi in particolare di Rui Costa non hanno fortuna: un tiro del portoghese scheggia l’incrocio dei pali…