Nerbon di Silea (Treviso), uccide il genero e si barrica in casa

Attimi di tensione a Nerbon di Silea, in provincia di Treviso. Un 91enne ha ucciso il genero e poi si è barricato in casa. Arrestato.

NERBON DI SILEA (TREVISO) – E’ stato un pomeriggio di tensione a Nerbon di Silea, paesino in provincia di Trevino. Un uomo di 91 anni ha ucciso a colpi di fucile il genero e poi si è barricato in casa fino all’arrivo degli inquirenti. Alla tragedia ha assistito la figlia che ha visto uccidere il marito dal padre.

Sono in corso tutti gli accertamenti per capire meglio la vicenda ma secondo le prime indiscrezioni i rapporti tra l’omicida e la sua vittima non erano ottimi. Comunque gli inquirenti lasciano aperte tutte le piste almeno fino a quando non si hanno delle prove certe. Il 91enne è stato arrestato e nelle prossime ore sarà sottoposto ad un interrogatorio di garanzia dove dovrà spiegare ai magistrati i motivi di questo gesto.

Carabinieri macchina
Carabinieri macchina

Nerbon di Silea, uccide il genero davanti alla figlia

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, la vittima si trovava in cortile quando è stato colpito da alcuni proiettili sparati dalla finestra della casa del 91enne. Alla tragedia ha assistito la figlia dell’omicida che è stata trasportata in ospedale in stato di shock. La donna nelle prossime ore sarà ascoltata dagli inquirenti per provare a dare una motivazione a questa tragedia che ha colpito la piccola cittadina Nerbon di Silea.

Alcune indiscrezioni parlano di rapporti non proprio eccezionali tra i due con diversi diverbi negli ultimi tempi per questioni interpersonali e non economici. Ma per capirne di più bisognerà aspettare l’interrogatorio di garanzia previsto nelle prossime ore. Solo l’omicida potrà spiegare i motivi di questa sparatoria. Una vicenda che ha segnato l’intero centro cittadino visto che la famiglia era molto conosciuta in zona. Gli inquirenti sperano nel giro di poche ore di fare luce sull’omicidio.

ultimo aggiornamento: 19-05-2019

X