Netflix ha annunciato il test di una nuova funzionalità, che permette di cambiare la velocità di riproduzione dei video. Interessanti le reazioni dei fan.

Da qualche giorno Netflix ha annunciato la sperimentazione di una nuova funzione, che permette di modificare la velocità di visualizzazione. Una funzione che, sempre secondo il sito ufficiale, era richiesta dagli utenti da molto tempo. Tuttavia al momento la Rete è divisa. In particolare, gli autori di film e serie TV non sembrano entusiasti.

Netflix velocita riproduzione
Fonte foto: https://media.netflix.com/en/company-blog/player-control-tests

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

L’annuncio di Netflix

Succede di rado che una nuova caratteristica sollevi così tanto interesse. Dopo l’annuncio ufficiale su Netflix Media Center la questione è stata oggetto di discussione, in particolare su Twitter dove è stata ripresa da Judd Apatow, produttore e sceneggiatore vicino ad alcune delle produzioni comiche più celebri degli ultimi anni. Ecco il tweet in cui chiede a Netflix di non proseguire nell’implementare questa caratteristica.

Alla discussione, per esempio, sta partecipando anche Neil Gailman, celebre autore di romanzi, graphic novel e serie TV.

Come ha specificato Netflix nel comunicato ufficiale, la funzione esiste da moltissimo tempo, in tutti i principali player video, e anche nei riproduttori di supporti digitali come DVD e Blu-Ray.

La velocità di riproduzione su Netflix, come funziona l’opzione

Con la premessa che si tratta di una funzione ancora in fase di test, e solo per dispositivi mobili, permette di modificare la velocità di riproduzione fra 0,5x e 1,5x, in pratica fra la metà e una volta e mezza la velocità originale.

Netflix velocita riproduzione
Fonte foto: https://media.netflix.com/en/company-blog/player-control-tests

A difesa della propria scelta Netflix fa notare come si tratti di una caratteristica presente da anni sulla maggior parte dei software e dispositivi di riproduzione, e che l’idea alla base è quella di fornire agli utenti un’opportunità per arrivare rapidamente al punto di una scena (velocizzando) oppure di capire meglio un dialogo o una scena concitata (rallentando).

Il timore di autori, produttori e in generale di molte persone all’interno dell’Industry tuttavia, è che questa funzione possa essere usata in modo indiscriminato dai fanatici del binge watching, per consumare una serie TV dietro l’altra, senza goderne il senso e i tempi pensati da chi l’ha creata.

Fonte foto copertina: unsplash.com/photos/11SgH7U6TmI

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 31-10-2019


Grazie ad Android qualsiasi telefono può diventare uno smartphone per anziani

Cos’è Pegasus e perché dovremmo aggiornare WhatsApp