Nino D’Agata è morto all’età di 65 anni. Non si conoscono i motivi del decesso dell’attore.

ROMA – Lutto nel mondo del cinema. E’ morto all’età di 65 anni Nino D’Agata, attore e doppiatore italiano. Come riportato dall’Ansa, l’artista si è spento nella giornata di venerdì 20 agosto anche se la famiglia non ha comunicato i motivi della scomparsa di un attore molto apprezzato da colleghi e allievi.

Il ricordo sui social è stato immediato e nei prossimi giorni non si esclude un evento per ricordare l’attore siciliano che ha preso parte a diversi film italiani.

Chi era Nino D’Agata

Nato a Catania l’8 ottobre 1955, Nino D’Agata ha iniziato sin da giovane a recitare anche se l’esordio sul grande schermo è arrivato nel 1993 in Giovanni Falcone di Giuseppe Ferrara. Ma l’attore ha preso parte anche a fiction molto amate e apprezzate in Italia come Distretto di Polizia, Don Matteo e Il giovane Montalbano.

Nella sua lunga carriera è stato diretto da Paolo Sorrentino ne Le conseguenze dell’amore e da Gabriele Muccino ne L’ultimo bacio. Ma il suo nome è strettamente legato anche al mondo del doppiaggio. E’ stata la voce di Timothy Lovejoy de I Simpson e di Paul Bettany di Iron Man.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Cinema
Cinema

Morto lo youtuber ‘Youtubo anche io’

E’ morto all’età di 42 anni Youtubo anche io, storico youtber calabrese che negli ultimi anni aveva deciso di ritararsi a vita privata dopo diversi scontri con gli haters. Il calabrese era diventato famoso perché mangiava enormi quantità di cibo.

Il decesso dell’uomo è avvenuto per un infarto, almeno è questo quanto scritto da TgCom24, ma non si hanno altre notizie sui motivi della scomparsa di uno dei personaggi più apprezzati dal mondo di internet. “Riceviamo migliaia di chiamate – il commento dell’agenzia funebre che si è occupata del funerale – per favore scrivete che la notizia è vera“.


Green Pass a scuola, 15mila professori al Parlamento: “La legge va cambiata”

Covid, 50enni, 40enni e personale scolastico: parte la ‘caccia’ ai non vaccinati. Ma i vaccini sono efficaci?