Arriva lo stop della Lega al decreto Salva-Roma. Il Carroccio: “La sindaca Raggi non è in grado di amministrare”.

ROMA – Lega e M5s sempre più ai ferri corti. Il Carroccio nella giornata odierna (venerdì 19 aprile 2019) ha detto no al decreto Salva-Roma confermando le loro perplessità sull’amministrazione Raggi. La conferma arriva dal capogruppo al Campidoglio, Maurizio Politi.

Il Salva-Roma – dichiara l’esponente leghista riportato da La Repubblica – non ci convince perché il sindaco non ha dato alcuna reale prospettiva di sviluppo della città. Il governo è disposto ad aiutare Roma, la Lega in primis, ma il problema vero è che in tre anni il M5s non ha offerto alcuna visione della città, è tutto peggiorato e la Raggi non è in grado di amministrare“.

Un nuovo attacco da parte della Lega alla sindaca della Capitale con un rapporto con M5s che è sempre più ai ferri corti almeno per quanto riguarda la situazione Roma.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Decreto Salva-Roma, Salvini attacca la Raggi: “Mi ha chiesto aiuto. La circolare sulle zone rosse serve proprio a questo, forse è distratta”

Il no sul decreto Salva-Roma arriva poche ore dopo il nuovo attacco di Matteo Salvini alla sindaca Raggi: “Mi ha chiesto aiuto – sottolinea il ministro dell’Interno citato da La Repubblicaper salvare la città da degrado, turisti cafoni e incivili in genere. La circolare sulle zone rosse va in questa direzione, esattamente come alcuni strumenti nel decreto sicurezza. Basta leggere le norme e applicarle, ma evidentemente è distratta“.

Ennesime parole dure da parte del vicepremier che continua ad attaccare Virginia Raggi e la sua amministrazione. Il rapporto tra Lega e M5s è sempre più ai ferri corti con la situazione che è in continuo mutamento. Lo spettro di una crisi di governo al momento sembra probabile anche se dal Carroccio smentiscono questa ipotesi.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 20-04-2019


Via Crucis dedicata ai migranti. Salvini: qui non c’è spazio

Caso Siri, il figlio di Arata assunto da Giorgetti a Palazzo Chigi. Nuovo scontro Lega-M5s