SF21 è il nome della nuova Ferrari. Binotto duro sul 2020: “Le prestazioni sono state inadeguate”.

ROMA – SF21, è questo il nome scelto dalla Ferrari per la nuova monoposto a disposizione di Charles Leclerc e Carlos Sainz. Massimo riserbo sulle novità e sulla livrea della Rossa che scenderà in pista per la prima volta a marzo nei test invernali.

Da Maranello confermano il ritorno dei cavalli del 2019. L’obiettivo è quello di poter lottare per il podio in ogni gara. Difficile, in questo momento, pronosticare una riduzione del gap con Mercedes almeno in gara.

Binotto: “Per il 2020 meritiamo un 4”

In uno degli ultimi incontri dell’anno con i giornalisti, Binotto ha parlato della stagione che si è appena conclusa: “Il voto è 4. Le prestazioni non sono state adeguate, ma siamo riusciti ad investire per il futuro. Con Seb le tempistiche sono state giuste – ha assicurato il team principal, riportato da Formula Passion farlo dopo non avrebbe avuto senso. Lui si è dimostrato di essere un grande professionista. Mai una polemica nonostante una macchina non competitiva. Secondo me era giunto il momento di separarci. L’unico errore commesso da parte mia è stato quello di non aver dato una sterzata prima degli ultimi sei mesi […]“.

Mattia Binotto
Mattia Binotto

Binotto: “Leclerc è più maturo”

Una stagione che vedrà Leclerc prima guida. “E’ un bravissimo pilota – ha detto Binotto riportato da SportMediasetin questa stagione è stato un vero leader. Sta completando il percorso di crescita. Non è stato un anno semplice, ma ha dimostrato di saper sostenere la squadra e di essere pronto ad affrontare le nuove sfide“.

Al suo fianco per il 2021 e il 2022 ci sarà Carlos Sainz. “Lo abbiamo scelto perché è un pilota completo. E’ migliorato anche in qualifica, il suo punto debole prima del 2020“, ha detto Binotto. Una coppia destinata a fare grande la Ferrari.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
Carlos Sainz Charles Leclerc ferrari motori sport

ultimo aggiornamento: 20-12-2020


Italia in ‘zona rossa’, consentiti gli spostamenti nelle seconde case nella stessa Regione

E se le auto elettriche fossero inquinanti?