Svelato il nome della Mercedes 2021. La scuderia di Barkley ha rivelato che la nuovo monoposto si chiamerà W12.

ROMA – E’ stato svelato il nome della Mercedes 2021. A poco più di un mese dalla prima discesa in pista, la scuderia di Barkley ha deciso di comunicare a tutti la denominazione della vettura che proverà a dominare la stagione. La monoposto si chiamerà W12, in sintonia con le scelte del passato.

Nelle prossime settimane conosceremo nei dettagli la macchina di Valtteri Bottas e, forse, di Lewis Hamilton. Il britannico non ha ancora firmato il rinnovo, ma in casa Mercedes sono convinti che presto si arriverà ad un accordo.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Wolff su Hamilton: “Siamo al lavoro”

Il rinnovo di Hamilton continua ad essere pieno di punti non chiari. La firma non è arrivata, ma Toto Wolff tranquillizza tutti i tifosi. La fumata bianca è attesa nel giro di qualche settimana: “Con Lewis abbiamo un ottimo rapporto – ha ricordato il team principal, riportato da Formula Passionper noi lui è molto importante […]. Ovviamente con Lewis si guarda anche al futuro. In questo momento non vogliamo essere messi sotto pressioni, poi entreremo nei dettagli. L’accordo dovrebbe essere ragionevole e non siamo molto lontani da raggiungerlo. Penso che presto si arriverà all’accordo“.

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton

Ultimo anno per Lewis Hamilton?

Per Lewis Hamilton potrebbe essere l’ultimo anno in Formula 1. Il pilota britannico non ha mai rinnegato la sua intenzione di fare un passo indietro tra il 2021 e il 2022.

Il ritiro sembra essere ormai alle porte e appendere il casco al chiodo con l’ottavo titolo in tasca è sicuramente uno dei suoi obiettivi. I ragionamenti sono ancora in corso e i dubbi saranno sciolti solamente nelle prossime ore. Una cosa sembra essere certa: Lewis Hamilton sarà in pista nel 2021 per scrivere nuove pagine di questo sport che lo ha visto protagonista.


Mick Schumacher si prepara all’esordio in F1: buoni i tempi registrati a Fiorano

MotoGP, Dovizioso apre alla Honda: “Mi sento ancora un pilota”