La Svezia annuncia che le perdite di gas sul Nord Stream 2 non si sono fermate, bensì sono cresciute di dimensioni.

Gazprom aveva dichiarato la fine di tutte le perdite di gas sul Nord Stream. I controlli hanno rassicurato sul gasdotto numero 1, ma la Guardia Costiera della Svezia ha dichiarato che la fuga di gas sul gasdotto numero 2 non si è davvero fermata, bensì è cresciuta di dimensioni.

impianto gas
impianto gas

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La fuga di gas

Sarebbero quattro le falle scoperte nei gasdotti Nord Stream 1 e 2 che stanno causando ingenti perdite di gas al condotto. Ciò ha portato ad una fuga di gas anche nel mar Baltico. Ad annunciare la perdita la Guardia Costiera svedese, che dichiara complessivamente quattro perdite di gas in seguito alle esplosioni delle linee del gasdotto numero 1 e 2.

Dopo che Gazprom ha dichiarato che tutte le perdite erano state fermate, sempre la Guardia Costiera della Svezia ha dichiarato che la fuga di gas del Nord Stream 2 non si è fermata, bensì è cresciuta di dimensioni.

Dopo un sorvolo sui punti di fuoriuscita di gas effettuato stamattina, sembrava che la perdita del primo gasdotto si era fermata in quanto non fosse più visibile. Nonostante ciò, quella proveniente invece dal secondo era palesemente più grande di ieri, misurando circa 30 metri di diametro.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-10-2022


Russia, approvate nuove leggi costituzionali sui territori annessi

Prezzi gas alti nel 2023. Europa taglia consumi, Italia no