Corea del Nord contro Stati Uniti, Corea del Sud e Giappone. Pyongyang starebbe minacciando un potenziamento delle sue doti militari.

Pyongyang minaccia un rafforzamento delle sue capacità militari, parlando di uno slancio nella cooperazione a livello militare fra i tre Paesi, dopo il trilaterale dei giorni scorsi a margine del vertice Nato di Madrid, e denunciato quello che per la Corea del Nord rientra in un piano degli Usa per creare nella regione “un’alleanza militare come la Nato”.

Il comunicato dell’agenzia Kcna: “La realtà dimostra chiaramente come l’obiettivo reale degli Stati Uniti nel diffondere voci sulla ‘minaccia nordcoreana’, sia fornire un pretesto per la supremazia militare nella regione dell’Asia-Pacifico”. L’agenza cita un portavoce del ministero degli Esteri nordcoreano, dopo il vertice tra il presidente americano Joe Biden, il premier giapponese Fumio Kishida e il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La Corea del Nord

Secondo la fonte, “la situazione impone con maggiore urgenza lo sviluppo della difesa del Paese per far fronte in modo attivo al rapido deterioramento del contesto di sicurezza della penisola coreana e nel resto del mondo. I leader di Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud, hanno unito le teste per il confronto” con Pyongyang “e hanno parlato di pericolose contromisure militari congiunte” contro il Paese “compreso l’avvio di esercitazioni militari congiunte”.

mani cooperazione uomo donna
mani cooperazione uomo donna

Stando al pensiero della Corea del Nord, “il summit della Nato dimostra ancor più chiaramente come gli Usa seguano un piano per contenere Russia e Cina e allo stesso tempo per ‘militarizzare’ l’Europa e formare un’alleanza militare come la Nato nella regione dell’Asia-Pacifico” con “l’alleanza militare” con Tokyo e Seul considerata “uno strumento importante per la realizzazione del piano”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-07-2022


Traffico aereo in panne: manca il personale

Inondazioni a Sydney: 3500 persone evacuate