Nella manovra è stata inserita un provvedimento per quanto riguarda Alitalia: proroga della Cig e rimborso fino al 2022 dei biglietti.

ROMA – Il provvedimento su Alitalia nella manovra. Come riportato dall’Ansa, nella legge di bilancio il Governo ha deciso di prorogare la cassa integrazione per altri due anni e il rimborso fino al 2022 dei biglietti. Si tratta di un passaggio fondamentale per garantire ai dipendenti dell’ex compagnia di bandiera di poter avere un sostegno importante almeno fino a quando Ita non aumenterà il personale a disposizione.

La norma diventerà efficace subito dopo l’approvazione del Parlamento. Difficilmente ci sarà un cambio durante il passaggio alla Camera e al Senato.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

La norma su Alitalia nella manovra

In particolare nel testo è precisato che “il trattamento di integrazione dello stipendio può essere allungato di ulteriore 12 mesi e successivamente alla conclusione dell’attività del commissario e non oltre il 31 dicembre 2023“. Per riuscire a rispettare questo impegno il premier Draghi ha messo a disposizione un fondo di 63,5 milioni per il prossimo anno e di 193,6 milioni per il 2023.

Inoltre, si è deciso di estendere al 2022 il rimborso dei biglietti. In questo caso il fondo è quello di 100 milioni che è già in funzione per l’anno in corso.

Alitalia
Alitalia

La discussione si sposta in Parlamento

La legge di bilancio nei prossimi giorni arriverà in Parlamento e si discuterà anche della norma su Alitalia. Non ci saranno, almeno di clamorose sorprese, modifiche al provvedimento dedicato all’ex compagnia di bandiera. L’obiettivo del Governo, infatti, è sempre stato quello di riuscire a difendere i lavoratori.

Non sono previsti, al momento, ulteriori proroghe. La speranza da parte del Governo, infatti, è quella che di poter far entrare tutti i dipendenti dell’ex Alitalia in Ita. E nelle prossime settimane su questo tema ci potrebbero essere importanti novità.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 28-10-2021


Facebook cambia nome, arriva Meta

Quota 102, i sindacati: “Pronti alla mobilitazione”. Draghi: “Non mi aspetto uno sciopero”