AIFA, la nota sul vaccino AstraZeneca: “Ingiustificato l’allarme sulla sicurezza del vaccino. I casi di decesso hanno un legame solo temporale”.

Con una nota pubblicata sul proprio sito ufficiale, l’AIFA definisce ingiustificato l’allarme sulla sicurezza del vaccino AstraZeneca.

Una precisazione, quella dell’AIFA, che arriva in un momento particolare. L’AIFA ha vietato in via precauzionale la somministrazione delle dosi di un lotto sospetto e nella giornata del 14 marzo il Piemonte ha registrato un decesso sospetto, quello di un docente morto poche ore dopo la somministrazione del vaccino.

La nota AIFA sul vaccino AstraZeneca: “Allarme ingiustificato”

Nel tentativo di frenare le polemiche e di mettere fine al panico che al momento risulta ingiustificato, l’Aifa, con una nota pubblicata sul proprio sito ufficiale, ha gatto sapere che è ingiustificato l’allarme sul vaccino AstraZeneca.

La paura è legata ai decessi registrati negli ultimi giorni e sui quali sono ancora in corso accertamenti da parte delle autorità sanitarie competenti.

I casi di decesso verificatisi dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca hanno un legame solo temporale. Nessuna causalità è stata dimostrata tra i due eventi. L’allarme legato alla sicurezza del vaccino AstraZeneca non è giustificato“, recita la nota AIFA.

“AIFA sottolinea che le attività di farmacovigilanza proseguono sia a livello nazionale che europeo in collaborazione con EMA, monitorando con attenzione possibili effetti avversi legati alla vaccinazione”.

Inoltre “AIFA rassicura fortemente i cittadini sulla sicurezza del vaccino AstraZeneca per una ottimale adesione alla campagna vaccinale in corso“.

Vaccino
Vaccino

La paura potrebbe frenare la campagna di vaccinazione

Il rischio (concreto) è che i timori che circondano AstraZeneca possano rallentare la campagna di vaccinazione in Italia. Molte persone hanno rifiutato il vaccino o nutrono molti dubbi sulla vaccinazione. L’AIFA prova quindi a correre i ripari

TAG:
coronavirus primo piano vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 15-03-2021


Le regole per gli spostamenti nelle seconde case

Multa o denuncia, cosa rischia chi non rispetta le regole in zona Rossa