I numeri della Formula 1 2019. Dominio di Hamilton e Mercedes. Leclerc il migliore per quanto riguarda le pole position.

ROMA – I numeri della Formula 1 2019 premiano Mercedes e Lewis Hamilton. Un dominio completo da parte del team anglo-tedesco che ha confermato la forza in una delle stagioni più semplici sulla carta dopo diversi anni. Red Bul e Ferrari non hanno avuto la forza di contrastare la scuderia iridata e le cifre confermano quanto visto in pista. L’unico a mettere in difficoltà il binomio che ormai vince da anni è stato Charles Leclerc, destinato nei prossimi campionati a riportare la Ferrari dove merita.

Il dominio Hamilton-Mercedes

Il dominio della Mercedes inizia nelle vittorie in questa stagione. Sono 15 i successi del team iridato (Hamilton 11 e Bottas 4), cinque volte quanto ottenuto da Ferrari e Red Bull fermi a tre. Per la Rossa sono due i primi posti di Leclerc ed uno di Vettel, nella scuderia austriaca il merito va dato a Verstappen.

Il campione del mondo domina anche per quanto riguarda i giri più veloci con 6 rispetto a Leclerc che si ferma a 4 e Verstappen e Bottas a 3. Guardando alle squadre Mercedes davanti con 9. Ferrari 6 e Red Bull 5 con i 2 di Gasly prima di passare alla Toro Rosso. Sono stati 17 i podi in stagione di Hamilton. 15 quelli di Bottas mentre Leclerc si è fermato a 10, precedendo di uno il compagno di squadra.

Lewis Hamilton Messico
fonte foto https://twitter.com/pirellisport

Hamilton delude nelle pole position

Non è stata una stagione positiva per Hamilton per quanto riguarda le pole position. Il britannico si è fermato solo a 5 come il compagno di squadra Valtteri Bottas. Un secondo podio ex-aequo che permette ai due di far piazzare la Mercedes davanti a tutti visto che la Ferrari ne ha collezionati solo 9. 7 di Charles Leclerc mentre sono solo 2 quelle di Sebastian Vettel. Stesso numero per Verstappen.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/Formula1/


Cassazione, gli automobilisti devono prevedere anche atteggiamenti irresponsabili dei pedoni

Si è spento Gary Mclaren, ex ingegnere della Suzuki