Record italiano per Margherita Panziera nei 200 dorso. La veneta ha fermato il crono sul 2’05″56.

RICCIONE – Record italiano per Margherita Panziera nei 200 dorso. La veneta nella finale degli Assoluti, in corso a Riccione, ha fermato il crono sul 2’05″56, abbassando il precedente primato di 2’05″72 firmato sembre a Riccione nel 2019. Una prestazione che vale per la veneta il sesto crono mondiale di sempre.

E’ stato un record inaspettato – ha commentato la dorsista ai microfoni della Federnuoto diciamo che sono arrivato un po’ più carica rispetto ai miei compagni perché avevo già la qualificazione olimpica. In acqua mi sentivo bene, ma non pensavo così. Mi sento pronta per i prossimi grandi eventi […]. Covid a parte sono abbastanza serena quest’anno: ritengo di poter fare molto“.

Sara Franceschi a Tokyo

La sorpresa di questa prima giornata degli assoluti è sicuramente Sara Franceschi. La 21enne livornese ha conquistato il pass per Tokyo nei 200 misti. Un crono di 4’37″06 che le vale anche il primato personale. Dietro di lei in questa gara Ilaria Cusinato e Carlotta Toni.

Non me lo aspettavo neanche io – ha ammesso l’azzurra – l’idea era quello di vincere e qualificarmi agli Europei, poi è arrivato addirittura il pass olimpico. Sono stata molto fortunata di essermi potuta allenare in questo periodo particolare […]. Sarà la mia seconda Olimpiade, nella prima ero molto piccola, quindi questa avrà un sapore particolare ed una importanza particolare“.

Fin
fonte foto https://www.facebook.com/Federnuoto/

Olimpiadi nel mirino di molti nuotatori

I prossimi giorni a Riccione potrebbero vedere altri atleti ottenere la qualificazione per Tokyo. Le occasioni diminuiscono con il passare dei giorni e in molti sono pronti a sfruttare questa occasione per conquistare il pass per il Giappone.

Un obiettivo sicuramente importante al termine di un quadriennio reso molto difficile dalla pandemia. E subito dopo si dovrà iniziare a Parigi 2024, un periodo sicuramente intenso e ricco di gare.


La scomparsa di Jesse Owens, la stella delle Olimpiadi di Berlino del 1936

La rivolta degli All Blacks, l’Haka non si vende