Nuova aggressione a Palermo: coppia vittima di un violento attacco
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Nuova aggressione a Palermo: coppia vittima di un violento attacco

violenza domestica, aggressione

A Palermo, una coppia diventa vittima di un nuovo e violento attacco, suscitando preoccupazione e sconcerto nella comunità.

In una tranquilla serata a Palermo, una coppia ha subito una violenta aggressione a seguito di un semplice rimprovero rivolto a un gruppo di ragazzini. Questo brutale episodio ha avuto luogo in via Emilio D’Angelo, una strada che incrocia via Ernesto Basile.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

violenza domestica, aggressione

Il contesto dell’aggressione

Tutto è iniziato quando la coppia, disturbata dagli schiamazzi dei giovani, ha deciso di intervenire chiedendo loro di abbassare il tono e di evitare ulteriori disturbi. Invece di ricevere una risposta pacifica, la situazione è degenerata rapidamente. Dopo uno scontro verbale, i giovani, in preda alla rabbia, hanno circondato e aggredito la coppia, lasciandoli con ferite gravi.

L’intervento delle forze dell’ordine e le conseguenze dell’attacco

Quando i carabinieri sono giunti sul luogo dell’incidente, i giovani aggressivi si erano già dileguati. Ora, con l’aiuto di eventuali telecamere presenti nella zona, si spera di poter identificare e portare alla giustizia i responsabili. Nel frattempo, il marito e la moglie, di 63 e 50 anni, sono stati prontamente soccorsi dal 118 e trasportati all’ospedale Civico. Qui, i medici hanno diagnosticato un trauma cranico e facciale, oltre a diverse contusioni. Le ferite sono giudicate guaribili in 12 e 8 giorni rispettivamente a testa per la coppia in questione.

Questo tragico episodio mette in luce l’importanza di affrontare e controllare la violenza giovanile. La comunità è scossa e in attesa di risposte, sperando che tali atti di violenza non si ripetano in futuro.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 10 Settembre 2023 15:54

Messina Denaro in fin di vita: il boss “ha chiesto di non essere rianimato”

nl pixel