Il nuovo prodotto della casa americana si impone come la supercar più potente sul mercato grazie ai 765 cavalli sprigionati dal V8 sovralimentato.

La Chevrolet ha presentato a Dubai la nuova Corvette ZR1. La scelta degli Emirati Arabi non è certo casuale ma rientra in una precisa strategia di mercato per promuovere un prodotto destinato ad una clientela altamente esclusiva.

Nuova Chevrolet Corvette ZR1, la supercar più potente al mondo

Il nuovo modello lanciato dal costruttore americano si distingue soprattutto per le prestazioni di altissimo livello. Grazie alla spinta del motore V8 da 6.2 litri sovralimentato mediante compressore volumetrico, in grado di erogare una potenza di 765 CV e una coppa di 969 Nm, la nuova Chevrolet Corvette ZR1 è sia il modello della gamma auto Corvette più potente mai prodotto sia la supercar più potente attualmente sul mercato. La ZR1, infatti, supera le principali concorrenti, in particolare la Ferrari 488 GTB (anche nella versione 488 Pista da 700 CV), la McLaren 720 S e la Porsche 911 GT2 RS, ‘ferme’ rispettivamente a 720 e 700 cavalli.

Un power train così potente non può non offrire performance di primissimo livello; infatti la Corvette ZR1 2018 è in grado di raggiungere una velocità massima pari a 336 km/h. Un risultato, questo, merito non solo della potenza sprigionata dal motore ma anche delle soluzioni di design adottate dai progettisti Chevrolet per migliorare il rendimento aerodinamico. Le prestazioni della Chevrolet Corvette ZR1 sono dovute anche all’adozione si soluzioni specifiche quali il sistema di raffreddamento e il doppio sistema di iniezione, sia diretta che indiretta.

Nuova Chevrolet Corvette ZR1
Fonte immagine: https://twitter.com/chevrolet

Le soluzioni aerodinamiche

Come già accennato, le eccezionali prestazioni della Corvette ZR1 derivano (anche) dal lavoro svolto per rendere l’auto il più aerodinamica possibile. Il risultato degli sforzi profusi dai tecnici Chevrolet è un doppio allestimento per la carrozzeria della Corvette ZR1, uno ‘Low Wing‘ e uno ‘High Wing‘. Il primo si caratterizza per il 70% di deportanza in più (ossia lo schiacciamento verso il basso) rispetto ai modelli precedenti.

Il secondo, invece, è stato concepito per la guida su pista. La conformazione High Wing offre anzitutto la possibilità di regolare l’incidenza dell’ala posteriore fino ad un massimo di 430 kg di deportanza (il parametro che serve alle auto da corsa a restare aderenti alla pista). Inoltre, sono inclusi lo splitter anteriore in fibra di carbonio, i pneumatici Michelin Pilot Sport Cup2 e gli ammortizzatori elettronici regolabili Magnetic Ride Control.

Entrambi gli allestimenti hanno in comune la fascia frontale, la cui nuova conformazione è stata pensata per convogliare i flussi d’aria necessari al raffreddamento del motore e della trasmissione, e lo sfogo d’aria presente sul cofano anteriore. Per il resto, la nuova Corvette ZR1 si presenta come una supercar muscolare, dal profilo aggressivo con soluzioni stilistiche chiaramente orientate all’ottimizzazione dell’aerodinamica.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/j-spadafore/4791479769

Fonte immagine: https://twitter.com/chevrolet

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
auto Chevrolet corvette zr1 motori

ultimo aggiornamento: 29-03-2018


Maserati, a New York debutta la Levante Trofeo

Benelli Leoncino: storia e scheda tecnica della mitica pesarese