Chi sono i nuovi eletti del Congresso Usa: presenti complottisti, progressisti e giovanissimi.

WASHINGTON (STATI UNITI) – In attesa di capire chi vincerà tra Trump e Biden, ci sono i primi eletti del Congresso Usa. Secondo le indiscrezioni che arrivano dagli Stati Uniti, la Camera dovrebbe essere in mano ai democratici e il Senato ai repubblicani.

Chi sono i nuovi eletti del Congresso Usa

Non mancano sicuramente le sorprese. In Missouri a sorprendere è stata l’elezione di Cori Bush, quarantenne attivista del movimento Black Lives Matter. Per lei oltre l’80% dei congressi.

Per la prima volta nel Congresso sono entrati anche i complottisti di QAnon. Marjorie Taylor Green rappresenterà la Georgia Nord-Orientale. Si tratta di un nome che sentiremo in futuro, con Donald Trump che l’ha definita come la star repubblicana dei prossimi anni.

Dal Delaware, invece, arriva la prima senatrice transessuale. Si tratta di Sarah McBride, 30 anni, che ha scritto una nuova pagina di storia americana. Le novita non sono finite qui. Il nonbinary musulmano Mauree Turner è stato eletto in Oklahoma. Nel Congresso anche Madison Cawthorn. A soli 25 anni è diventato il più giovane della storia.

Cassa Bianca
Cassa Bianca

Le conferme

Non mancano naturalmente le conferme. Le quattro donne progressiste Ilhan Omar, Alexandria Ocasio-Cortez, Rashida Tlaib e Ayana Pressely sono state rielette. Un risultato importante per le quattro che sono diventate il vero volto progressista del Partito Democratico.

Altri quattro anni nel Congresso americano anche per Nancy Pelosi, la speaker della Camera dei Rappresentanti. Per lei ci potrebbe essere la conferma dello stesso ruolo. I nomi sono ormai stati stabiliti, manca solo quello del presidente. Sembra sempre più una volata tra Tump e Biden. Per avere la certezza bisognerà aspettare ancora qualche giorno, anche se i due si sono chiaramente autoproclamati vincitori. E gli occhi di tutto il mondo sono rivolti verso Washington.

Covid, l’aggiornamento del Piano Vaccini


Elezioni Usa, come funziona il voto postale

USA, Biden verso la vittoria: “Con me presidente rientro negli Accordi di Parigi in 77 giorni…”