Nuovo presidente dell'Iran, svolta: arriva il medico riformista
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Nuovo presidente dell’Iran, svolta: arriva il medico riformista

bandiera Iran

Deputato riformista ed ex ministro della Sanità, Masoud Pezeshkian vince contro Saeed Jalili e sarà il nuovo presidente dell’Iran.

Il deputato riformista ed ex ministro della Sanità iraniano, Masoud Pezeshkian, ha conquistato la presidenza dell’Iran dopo una vittoria decisiva al ballottaggio contro l’ultraconservatore Saeed Jalili.

Come fare soldi? 30 idee semplici per guadagnare

Pezeshkian, un cardiochirurgo con una lunga carriera politica alle spalle, ha ottenuto oltre 2 milioni di voti in più rispetto al suo rivale, segnando un momento significativo per il movimento riformista iraniano. I suoi sostenitori hanno celebrato nelle strade di Teheran e in altre città del paese, dimostrando il sostegno popolare per un cambiamento verso politiche più moderate e inclusive.

La vittoria di Pezeshkian arriva in un periodo di grande tensione per l’Iran. Con il conflitto Israele-Hamas nella Striscia di Gaza e l’avanzamento del programma nucleare iraniano, il nuovo presidente si trova di fronte a sfide geopolitiche complesse. Inoltre, le prossime elezioni americane potrebbero influenzare notevolmente le relazioni tra Teheran e Washington, rendendo il contesto internazionale particolarmente volatile.

soldato Iran
soldato Iran

Un messaggio di unità e speranza

Nel suo discorso post-elettorale, Pezeshkian ha ringraziato calorosamente i cittadini iraniani per il loro sostegno, sottolineando l’importanza dell’unità nazionale. “Tenderemo la mano dell’amicizia a tutti. Siamo tutti popolo di questo Paese. Ci sarà bisogno di tutti per il progresso del Paese“, ha dichiarato in un intervento televisivo. Con 16.384.403 voti contro i 13.538.179 di Jalili, Pezeshkian ha dimostrato di avere un ampio sostegno elettorale, nonostante la bassa affluenza alle urne.

Circa 30.530.157 elettori, pari al 49,8% degli aventi diritto, hanno partecipato al ballottaggio, una partecipazione inferiore rispetto alle elezioni precedenti. Questa bassa affluenza riflette il clima di sfiducia tra la popolazione, esasperata da anni di sanzioni economiche, proteste e repressioni. Tuttavia, la vittoria di un candidato riformista come Pezeshkian rappresenta un segnale chiaro del desiderio di cambiamento tra gli iraniani.

Sfide e opportunità per il futuro

L’elezione di Pezeshkian segna un punto di svolta per la politica iraniana. La teocrazia sciita, sotto la guida dell’Ayatollah Ali Khamenei, dovrà ora affrontare nuove sfide per mantenere la stabilità e il sostegno popolare. Pezeshkian, da parte sua, dovrà bilanciare le aspettative dei riformisti con le pressioni degli elementi più conservatori della società iraniana.

Questa vittoria potrebbe aprire nuove possibilità per l’Iran, favorendo un approccio più moderato alle questioni internazionali e promuovendo il dialogo. Tuttavia, il percorso verso il cambiamento sarà lungo e complesso. Pezeshkian dovrà dimostrare di essere in grado di tradurre le sue promesse in azioni concrete, portando progresso e stabilità al Paese.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 6 Luglio 2024 9:07

Emicrania con aura, il nuovo rivoluzionario studio: ecco svelate le cause

nl pixel