Nuovo San Siro, parla il sindaco Sala: "Bisogna decidere al più presto"

Nuovo San Siro, parla il sindaco Sala: “Bisogna decidere al più presto”

L’iter per la costruzione del nuovo San Siro passa dal Comune, a cui spetta la dichiarazione di pubblico interesse: Sala preme per giungere a una sintesi

L’obiettivo di Milan e Inter è chiaro. Quello di disputare la prima partita all’interno del nuovo stadio di San Siro entro il 2024, ospitando anche la cerimonia inaugurale dei Giochi olimpici di Milano-Cortina 2026. Prima di arrivare a questo punto, però, c’è un iter piuttosto amministrativo e burocratico piuttosto laborioso. Ecco, in tal senso, le parole pronunciate dal primo cittadino del capoluogo meneghino Giuseppe Sala all’Ansa.

Sala: “Non boicotto la costruzione di un nuovo San Siro”

Ci sarà una discussione all’interno del Consiglio comunale e tra poche settimane bisognerà arrivare a una sintesi. Perché se questa discussione non arriva a una sintesi e viene trascinata poi fa male. È meglio che in tempi non lunghissimi si arrivi a definire un punto di arrivo. Io non sto boicottando la costruzione di un nuovo stadio e ho deciso di mettere un po’ da parte la mia nostalgia e la mia passione per San Siro, perché sennò non sarei un buon sindaco. Farò solo rispettare le regole“.

Nuovo San Siro Populous
Il progetto di Populous (fonte foto: www.nuovostadiomilano.com)

Nuovo San Siro, ecco l’iter verso la costruzione

La presentazione al Politecnico di Milano dei due progetti in concorrenza per costruire il nuovo stadio di Milan e Inter è soltanto la prima tappa di un percorso che sarà alquanto complesso. In primis, il Comune di Milano avrà un ruolo fondamentale, perché dovrà comunicare, entro i prossimi 15 giorni, la decisione sul pubblico interesse. E’ bene precisare come non si tratti dell’approvazione finale del progetto, ma semplicemente dell’atto amministrativo che da il la all’iter di costruzione dell’impianto.

In caso di risposta affermativa, quindi, Milan e Inter avranno la facoltà di presentare il progetto completo e, da lì, partirà la discussione in merito a eventuali integrazioni o modifiche richiesti dall’ente comunale. Quindi, entro 90 giorni, partirebbe la gara pubblica per l’assegnazione del progetto, per la quale i due club calcistici avranno un diritto di prelazione.

ultimo aggiornamento: 27-09-2019

X