Migranti, nuovo sbarco a Crotone: ok del Viminale a causa del temporale

Migranti, sessantaquattro persone sbarcate in Calabria con l’autorizzazione del Viminale. Le persone in mare sorprese da un violento temporale.

Proseguono gli sbarchi dei migranti in Italia. Dopo il caso della Mare Jonio e quello della nave Stromboli della Marina Militare, altre persone sono arrivate in Calabria, dove sono state fatte sbarcare a causa delle avverse condizioni meteo.

Migranti, sbarco a Crotone: sessantaquattro persone soccorse dalla Guardia Costiera italiana

Sono sessantaquattro le persone che sono state fatte sbarcare a Crotone. I migranti sono stati soccorsi nella mattinata del 12 maggio da una motovedetta della Guardia Costiera italiana, che li aveva avvistati e recuperati al largo delle coste della Calabria.

I sessantaquattro sono stati soccorsi dopo che la zona è stata investita da un violento temporale che ha messo a repentaglio la sicurezza e la vita delle persone a bordo della piccola imbarcazione.

I migranti sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Sant’Anna, a Isola Capo Rizzuto.

Migranti
fonte foto https://www.facebook.com/marco.todarello.18

Sbarco avvenuto con l’autorizzazione da parte del Viminale

Il nuovo sbarco è avvenuto con l’autorizzazione del Viminale che ha deciso di accantonare la politica dei porti chiusi promossa da Salvini preferendo in questo caso mettere al primo posto la sicurezza delle persone che si trovavano in mare, a rischio naufragio alla luce delle condizioni meteo sulla zona.

Il forte temporale abbattutosi sulla Calabria avrebbe potuto portare a un naufragio e alla possibilità che alle settanta persone morte nelle scorse ore al largo della Libia potessero aggiungersi altre decine di vittime.

Migranti, 150 persone soccorse dalla Marina libica

Nelle stesse ore la Marina libica ha proceduto al salvataggio di centocinquanta persone che si trovavano a bordo di due imbarcazioni di piccole dimensioni. Le persone, stando a quanto riferito dai media, sono state trasferite nei campi in Libia.

ultimo aggiornamento: 12-05-2019

X