Olimpiadi di Pechino 2022, medaglia di bronzo per Davide Ghiotto nel pattinaggio di velocità: l’azzurro è terzo nei 10.000 metri. La sua è la nona medaglia per l’Italia.

Davide Ghiotto conquista la medaglia di bronzo nel pattinaggio di velocità con un prestigioso terzo posto nei 10.000 metri. L’azzurro ha chiuso alle spalle Nils van der Poel, medaglia d’oro e record del mondo, e di Patrick Roest.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Davide Ghiotto vince la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Pechino 2022

L’Italia torna sul podio nel pattinaggio di velocità e lo fa con uno strepitoso Davide Ghiotto, che arriva al terzo posto nei 10.000 metri speed skating con il tempo di 12.45.98.

Gara difficile per l’azzurro, sempre sul filo del rasoio. Nonostante le difficoltà, negli ultimi giri e poi negli ultimi metri trova il guizzo vincente che gli vale la medaglia di bronzo. L’azzurro si è conteso l’ultimo gradino del podio con Bloemen, campione olimpico in carica. Una bella sfida spalla a spalla fino a quando il canadese non ha fatto registrare un crollo spalancando a Ghiotto le porte del terzo posto.

Primo posto e medaglia d’oro per Nils van der Poel, che fa registrare anche il nuovo record del mondo. Secondo posto e medaglia d’argento per Patrick Roest.

Ghiotto aveva chiuso la gara dei 5.000 metri in ottava posizione, poi si è messo in mostra in quella che è la sua specialità, i 10.000 metri. Il suo è un podio di prestigio che conferma il momento positivo del pattinaggio italiano.

Il medagliere dell’Italia

Quella di Ghiotto è la medaglia numero nove per l’Italia in queste Olimpiadi invernali di Pechino 2022. A distanza di pochi minuti sarebbe arrivata anche la decima medaglia, quella di Wierer. Gli azzurri hanno conquistato 2 ori, 4 argenti e 4 medaglie di bronzo andando ad arricchire il medagliere.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Olimpiadi

ultimo aggiornamento: 11-02-2022


Olimpiadi Pechino 2022, Brignone settima nel SuperG. Oro a Gut-Behrami

Pechino 2022, bronzo per Dorothea Wierer