L’omelia di Papa Francesco: “Dobbiamo vincere la tentazione delle divisioni”.

ROMA – La ‘fase 2’ non è ancora iniziata per la Chiesa. Nell’omelia della messa quotidiana a Santa Marta Papa Francesco ha voluto rivolgere il suo pensiero alle famiglie pregando perché “ci sia pace e non violenza, pazienza e creatività“.

Il Pontefice ha voluto mandare un monito anche alla Chiesa: “Dobbiamo vincere la tentazione delle divisioni“.

L’omelia di Papa Francesco

Nell’omelia Bergoglio ha voluto rivolgere il suo pensiero alle famiglie che in questa quarantena sono state costrette a rimanere in casa per le decisioni dei singoli governi.

Preghiamo oggi – dice il Pontefice riportato da Vaticannewsper le famiglie. In questo tempo di quarantena, la famiglia, chiusa in casa, cerca di fare tante cose nuove, tanta creatività con i bambini, con tutti, per andare avanti. E anche c’è l’altra cosa, che alle volte c’è la violenza domestica. Preghiamo per le famiglie perché continuino in pace con creatività e pazienza, in questa quarantena“.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

udienza privata Papa Francesco
Papa Francesco

Papa Francesco: “Sono lecite le differenze ma nell’unità della Chiesa”

Il Pontefice nella sua omelia ha chiesto di evitare le tentazioni della divisione nella Chiesa: “Questa – sottolinea Papa Francesco – è una malattia che nasce dalle ideologie o dai partiti religiosi. E’ un pensare mondano che si fa interprete della legge. Sono idee che creano divisione, al punto che diventa più importante la divisione che l’unità. E’ più importante la mia idea che lo Spirito Santo ci guida […]“.

Sono lecite – conclude il Pontefice – le differenze ma nell’unità della Chiesa. Abbiamo tutti un unico pastore, Gesù. Il Signore ci liberi dalla psicologia della divisione e ci faccia vedere che siamo tutti fratelli in Lui“. Papa Francesco ritornerà a celebrare la messa martedì 5 maggio 2020 sempre dalla Chiesa di Santa Marta.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

ultimo aggiornamento: 04-05-2020


Blitz della Guardia di Finanza a Catania, in manette 25 persone vicine a Cosa Nostra

Scuola, il ‘metodo Azzolina’ non convince. Task force: “E’ solo un punto di partenza”