L’omelia di Papa Francesco: “Il fuoco di Dio si alimenta con la condivisione e non con i guadagni. Amazzonia distrutta dagli interessi”.

CITTA’ DEL VATICANO – L’omelia di Papa Francesco dedicata all’Amazzonia. Il Pontefice ha presieduto la messa nel giorno del Sinodo che si svolgerà da oggi fino al prossimo 27 ottobre nell’Aula Nuova. “Quante volte il dono di Dio – ha precisato il Pontefice citato da RAI Newsnon è stato offerto ma imposto, quante volte c’è stata colonizzazione anziché evangelizzazione. Dio ci preservi dall’avidità dei nuovi colonialismi“.

Bergoglio è ritornato anche sull’emergenza incendi in Amazzonia: “Il fuoco appiccato da interessi che distruggono, come quello che recentemente ha devasto la foresta, non è quello del Vangelo. Il fuoco di Dio è calore che attira e raccoglie in unità. Si alimenta con la condivisione, non con i guadagni. Il fuoco divoratore, invece, divampa quando si vogliono portare avanti solo le proprie idee, fare il proprio gruppo, bruciale le diversità per omologare tutto e tutti“.

Il messaggio ai vescovi

Il Pontefice ha voluto inviare anche un messaggio ai vescovi presenti: “Siamo vescovi perché abbiamo ricevuto un dono di dio. Non abbiamo firmato un accordo ma ricevuto un dono per esseri doni. Dobbiamo essere fedeli alla novità dello Spirito. Egli, che fa nuove tutte le cose, ci doni la sua prudenza audace; ispiri al nostro Sinodo a rinnovare i cammini per la Chiesa in Amazzonia perché non spegna il fuoco della missione“.

udienza privata Papa Francesco
Papa Francesco

L’importanza della Chiesa

C’è spazio anche per l’importanza del ruolo della Chiesa: “Il dono che abbiamo ricevuto è un fuoco, è amore bruciante a Dio e ai fratelli. Non si alimenta da solo e muore se non è tenuto in vita. La Chiesa è sempre in cammino, sempre in uscita e mai chiusa in sé stessa“.

Di seguito il video con l’incontro tra Papa Francesco e Benedetto XVI

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
cronaca evidenza omelia papa francesco papa francesco

ultimo aggiornamento: 06-10-2019


22enne accoltellato a Milano, in fuga il suo aggressore

Sparatoria di Trieste, il killer ha esploso 17 colpi: poteva uccidere dieci agenti