Hasib Omerovic fuori dal come ma in grave condizioni. L’avvocato: “l’inchiesta non sia più contro ignoti ma ci siano degli indagati”.

Hasib Omerovic, il disabile caduto dalla finestra della sua casa dopo la perquisizione della polizia, si è svegliato dal coma ma riporta condizioni gravi. Saranno necessari diversi e lunghi interventi. L’abitazione intanto è sotto squestro e la famiglia ha cambiato residenza, ma la madre del ragazzo continua ad avere paura e a chiedere chiarimenti sul caso.

Carabinieri
Carabinieri

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Bisogno di chiarimenti

Hasib Omerovic è il ragazzo disabile di 36 anni caduto dalla sua abitazione di Primavalle, dopo un controllo di polizia dello scorso luglio. La caduta ha causato al ragazzo un coma vigile da cui, come annuncia il portavoce dell’Associazione 21 Luglio, oggi è uscito ma le sue condizioni sono ancora gravi.

Al momento Hasib è sedato e riporta segni di interazione. I medici non sanno ancora dire con certezza quanti interventi saranno necessari ma i tempi saranno di certo lunghi. Alla famiglia però vengono consegnati dall’ospedale dei vestiti diversi da quelli che il ragazzo indossava durante l’accaduto: i genitori hanno ricevuto “un pantaloncino marrone e un paio di scarpe blu mentre Hasib indossava un pantalone nero arrotolato sulle ginocchia e scarpe diverse da quelle restituite”.

L’avvocato della famiglia, Arturo Salerni, dichiara che l’immobile dal quale è caduto è stato sequestrato dalla procura e che l’indagine “non è più contro ignoti ma ha iscritti nel registro degli indagati, di cui però non conosciamo il nome”.

La famiglia del 36enne continua ad avere paura per sé stessa e per i suoi figli nonostante abbia cambiato abitazione. La madre del ragazzo chiede ancora chiarezza sul caso. “Vogliamo verità e giustizia per Hasib, deve venire fuori”,cita l’appello della madre di Hasib Omerovic durante la conferenza stampa.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 29-09-2022


Alessia Pifferi, i legali: “Ha paura, parla sempre della bimba”

Padova: fidanzata di Mattia Caruso confessa omicidio