Uno dei due accusati per il pestaggio del giovane Emanuele, avvenuto fuori da un locale di Alatri, era stato scarcerato la mattina dell’omicidio

Mario Castagnacci e il fratellastro Paolo Palmisani, fermati per l’omicidio di Emanuele Morganti, il ragazzo picchiato a morte ad Alatri la notte tra il 24 e il 25 marzo per avere difeso la sua fidanzata, sono stati posti in regime di isolamento nel carcere romano di Regina Coeli per il rischio di ritorsioni e minacce da parte di altri detenuti.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Omicidio Alatri

Si apprende che Castagnacci, il più grande dei due fratellastri, era stato arrestato a Roma il giorno precedente all’omicidio di Emanuele (il 23 marzo) per possesso di sostanze stupefacenti, ma fu rilasciato il mattino successivo: nella notte, poi, il pestaggio del 20enne fuori da un locale ad Alatri. Nel frattempo, l’avvocato dello stesso Castagnacci, Tony Ceccarelli, ha deciso di rinunciare all’incarico. “È stata una decisione autonoma – ha dichiarato il legale, come riporta l’Ansa – presa senza alcuna pressione. Lo dico perché in questi giorni sono stati molti i colleghi, anche di indagati più marginali, che sono stati minacciati e malmenati”.

Omicidio Emanuele Morganti

Dopo l’accaduto, Castagnacci e Palmisani si erano rifugiati da alcuni parenti nella Capitale, prima di essere intercettati dai carabinieri e sottoposti a fermo di indiziato di delitto. Per il Procuratore capo di Frosinone, Giuseppe De Falco, ad armare le loro mani è stata forse la volontà di mostrare a tutti chi comandava nel territorio. Una volontà annebbiata, con ogni probabilità, da un mix di cocaina e alcol. Emanuele, dunque, è diventato preda di un branco assetato di violenza: il giovane, secondo le testimonianze, è stato aggredito mortalmente con calci e pugni, ma anche con un manganello e una chiave inglese.

ultimo aggiornamento: 29-03-2017


Incidente sul raccordo A1-A14, circa quaranta le persone coinvolte

Terrorismo, sgominata cellula jihadista: arrestati tre kosovari a Venezia