Omicidio Cerciello Rega, a processo militare che bendò Natale Hjort. Il rinvio a giudizio è stato chiesto dalla Procura di Roma.

ROMA – Omicidio Cerciello Rega, a processo militare che bendò Natale Hjort. Il carabinieri è accusato di misura non consentita dalla legge. Come riportato dall’AdnKronos, in questo filone è indagato anche un collega per aver scattato le foto in caserma per poi diffonderle in un gruppo di whatsapp.

Il militare dovrà presentarsi davanti al tribunale monocratico, chiamato a decidere su quanto successo in quella caserma. Sono diversi ancora i punti da chiarire sulla morte di Cerciello Rega.

Rinvio a giudizio per l’ex comandante della stazione dei carabinieri di piazza Farnese

La Procura di Roma, inoltre, ha richiesto il rinvio a giudizio per l’ex comandante della stazione dei carabinieri di piazza Farnese per il reato di falso. Il militare, infatti, aveva dichiarato di aver ricevuto la pistola ordinanza di Varriale nella notte dell’omicidio al pronto soccorso dell’ospedale Santo Spirito.

Una ricostruzione che, successivamente, è stata smentita dalle indagini. Il carabiniere, come lo stesso Cerciello Rega, era disarmato. Una versione confermata da Varriale. Le ricostruzioni sono ancora in corso e sono diversi i punti da chiarire su quanto successo nella notte tra il 25 e il 26 luglio 2019.

Carabinieri
Carabinieri

L’omicidio di Cerciello Rega

L’omicidio del carabiniere Cerciello Rega è avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 luglio 2019. Il militare, insieme al collega Varriale, era intervenuto dopo una denuncia di scippo. Durante la colluttazione con i due giovani americani, uno dei ragazzi ha estratto un coltello e colpito con 11 fendenti l’agente. Immediata la chiamata ai soccorsi, ma i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

Le indagini, a distanza di più di un anno, proseguono per chiarire meglio quanto successo e, soprattutto, individuare eventuali responsabilità dei militari nel trattamento dei due fermati in caserma.


Svolta nel caso del camionista scomparso a Vigevano, due arresti

Milano, arrestati i ladri acrobati. Tra le vittime anche Diletta Leotta e l’interista Hakimi