Omicidio Colacioppo, killer arrestato dopo 17 anni in Moldavia

Omicidio Colacioppo, killer arrestato dopo 17 anni

Omicidio Colacioppo, la polizia ha arrestato il killer dopo 17 anni di latitanza. Era stato inserito tra i 100 uomini più pericolosi nel mondo.

ROMA – A distanza di 17 anni l’omicidio di Antonio Colacioppo ha finalmente un colpevole. E’ stato arrestato al confine tra Moldavia e Ucraina il killer che ha ucciso il 1° febbraio 1999 all’avvocato nel suo studio di Ascoli Piceno.

Si tratta di Iurie Cegolea che in questi anni è stato inserito tra i 100 latitanti più pericolosi. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il fermato 17 anni fa era stato incaricato dall’ex moglie della vittima e dal suo amante (entrambi già in carcere n.d.r.) di uccidere l’avvocato. Colacioppo è stato colpito da ben tredici coltellate, una mortale al cuore.

Auto carabinieri polizia
Auto carabinieri polizia

Omicidio Calacioppo, arrestati i tre killer

Dopo l’omicidio, avvenuto il 1° febbraio 1999, le indagini avevano portato all’arresto dell’ex moglie Biriukova e del suo amante Luchin. Entrambi sono stati fermati in Ucraina nel 2006 e condannati a 30 anni di reclusione che stanno scontando in carcere. Secondo gli inquirenti la donna è stata la mandante di questo omicidio che ha visto l’uomo e Cegolea come esecutori materiali.

Proprio quest’ultimo ha fatto perdere le tracce ma le ricerche non si sono mai fermate. Per facilitare la cattura la polizia italiana ha scritto il nome dell’uomo tra i 100 latitanti più pericolosi. E il fermo è scattato al confine tra Moldavia e Ucraina. Da capire se ora il processo si farà a Kiev oppure sarà chiesta l’estradizione in Italia.

Omicidio Calacioppo, chiuse le indagini

L’arresto dell’ultimo killer porta alla chiusura di queste indagini visto che non ci sono altre persone coinvolte in questo omicidio. L’avvocato Antonio Calacioppo è stato ucciso per volere dell’ex moglie che ha incaricato l’amante e un connazionale di accoltellare il marito. Una vicenda che in quel febbraio 1999 ha sconvolto l’intera zona di Ascoli Piceno perché la vittima era molto conosciuta.

ultimo aggiornamento: 31-05-2019

X