Donna uccisa nel Napoletano, fermato il marito

Una donna di 33 anni è stata uccisa dal marito a Melito di Napoli. L’uomo si è costituito ai carabinieri qualche ora dopo l’omicidio.

MELITO DI NAPOLI – Il giallo della morte di una donna è durato poche ore. Il corpo della 33enne è stato trovato nelle prime ore di sabato 2 marzo nella propria abitazione di Melito di Napoli dove viveva insieme ai due figli: una ragazzina di 14 anni e un maschio di sette. Le ferite avevano fatto pensare sin da subito ad un omicidio e i sospetti si erano concentrati sul marito.

Qualche ora dopo lo stesso uomo ha deciso di consegnarsi ai carabinieri, confessando l’omicidio. E’ in corso l’interrogatorio per cercare di capire il motivo di questo gesto. Si scava nel passato della coppia per cercare indizi fondamentali a ricostruire il quadro della vicenda che al momento resta misterioso.

Ambulanza
fonte foto https://www.facebook.com/sergio.n.fedele

Da Melito di Napoli a Sorico: due omicidi in poche ore

Non solo Melito di Napoli, il cadavere di un uomo è stato trovato anche a Sorico, in provincia di Como. Sul corpo, rinvenuto nel pomeriggio di venerdì 1° marzo, sono state trovate delle ferite d’arma da fuoco e per questo si pensa ad un omicidio.

Il nome della vittima non è stato rivelato ma secondo i media locali si tratterebbe del fratello di Alfredo Sandrini, ucciso nel gennaio 2014 per questioni di droga. Proprio su questa vicenda si concentrano gli inquirenti che sperano di fare luce sul caso in poco tempo. Per accertare meglio le cause del decesso il magistrato ha disposto l’autopsia sul corpo dell’uomo. I risultati potrebbero aiutare a capire meglio la vicenda. Un omicidio ancora da chiarire nel Comasco con il cadavere di un uomo trovato senza vita nel proprio appartamento. Si pensa ad un regolamento di conti ma al momento le autorità preferiscono non escludere nessuna pista.

fonte foto copertina https://pixabay.com/it/polizia-carabinieri-auto-3394767/

ultimo aggiornamento: 02-03-2019

X