Omicidio a Milano. Un uomo di 34 anni è stato ucciso dal vicino al culmine di una lite. Indagini in corso.

MILANO – Omicidio a Milano nel pomeriggio di mercoledì 1 settembre 2021. Un uomo di 34 anni è stato ucciso al culmine di una lite dal vicino. La discussione, come riportato da La Repubblica, sarebbe nata per un barbecue e all’arrivo dei carabinieri il ferito più grave era già stato trasportato da alcuni amici in ospedale, ma le sue condizioni erano molto gravi per le ferite all’addome.

Il personale medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso. Rimasto leggermente contuso anche l’aggressore, ma le sue condizioni non sarebbero gravi.

La ricostruzione

La ricostruzione di quanto successo è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo le prime informazioni, il 34enne ha organizzato una grigliata insieme ad alcuni suoi amici. All’improvviso il vicino di casa sarebbe sceso con in pugno una delle sue pistole e sparato alcuni colpi in area.

Da qui la violenta lite, con l’anziano che avrebbe esploso alcuni proiettili contro il suo rivale. Le condizioni sono subito sembrate molto gravi e i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. L’aggressore è stato immediatamente fermato e sono in corso le indagini per ricostruire meglio l’accaduto.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Ambulanza
Ambulanza

Le indagini

Gli inquirenti stanno effettuando tutti gli approfondimenti del caso. Non è ancora chiaro se tra i due c’erano stati dei litigi in passato oppure si è trattato di una prima volta. Le forze dell’ordine hanno già ascoltato i testimoni e presto il magistrato interrogherà anche l’anziano per confermare la misura cautelare.

Una vicenda avvenuta nel pomeriggio di mercoledì 1 settembre durante una grigliata in un quartiere a sud di Milano e le forze dell’ordine stanno proseguendo tutti gli accertamenti per capire meglio il movente che ha portato il 74enne ad uccidere il vicino.


No Vax, Polizia al lavoro per identificare i responsabili delle minacce

La Corte Suprema non blocca la legge sull’aborto del Texas