Omicidio a Napoli nella notte tra il 10 e l’11 dicembre 2021. Un uomo di 35 anni è stato ucciso con dieci colpi d’arma da fuoco.

NAPOLI – Omicidio a Napoli nella notte tra il 10 e l’11 dicembre 2021. Come scritto dall’Ansa, un uomo di 35 anni è stato ucciso con decine di colpi d’arma da fuoco nel quartiere di Ponticelli, poco distante dal Covid residence della zona.

E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo e soprattutto provare a risalire al responsabile di questo gesto. Come detto, i punti da chiarire sono ancora diversi e toccherà agli inquirenti individuare il movente dell’omicidio.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Omicidio a Napoli, morto un uomo di 35 anni

La ricostruzione di quanto successo è ancora al vaglio degli inquirenti. Dalle prime informazioni, il 35enne è stato raggiunto da una decina di colpi di arma da fuoco e i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

La morte è stata accertata in ospedale. Il magistrato ha immediatamente disposto il sequestro della salma e autorizzato l’autopsia per verificare le cause della scomparsa. Proprio gli approfondimenti medici potranno chiarire meglio quanto successo nella notte tra il 10 e l’11 dicembre 2021 nel quartiere Ponticelli a Napoli.

Polizia
Polizia

L’indagine

E’ stata aperta un’indagine per provare ad accertare quanto successo. I punti da chiarire sono sicuramente diversi, ma l’ipotesi più probabile sembra essere quella di un regolamento di conti visti i suoi precedenti, ma si preferisce comunque non escludere nessuna ipotesi almeno fino a quando non si hanno delle prove certe.

Nelle prossime ore gli inquirenti continueranno ad ascoltare i familiari e gli amici della vittima per provare a ricostruire insieme i giorni precedenti all’omicidio dell’uomo. I punti da accertare, come detto, sono diverti e presto ci aspettiamo delle novità importanti sul caso della morte del 35enne.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 11-12-2021


Variante Omicron, una versione è ‘invisibile’ ai tamponi rapidi?

A Roma l’ultimo saluto a Lina Wertmuller