Omicidio a Parma nella notte tra il 4 e il 5 maggio. Un ragazzo di 20 anni è stato ucciso a coltellate.

PARMA – Omicidio a Parma nella notte tra il 4 e il 5 maggio. Secondo quanto scritto da La Repubblica, un ragazzo di 20 anni è stato ucciso a coltellate. Il corpo senza vista è stato rinvenuto dagli inquirenti nelle prime ore di oggi all’interno dell’ex milino.

A lanciare l’allarme è stata la fidanzata. La versione della giovane è ancora al vaglio degli inquirenti e nelle prossime ore potrebbe essere ascoltata ancora una volta per ricostruire meglio l’accaduto.

20enne ucciso a Parma, la ricostruzione

La ricostruzione di quanto accaduto è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo le prime informazioni, il ragazzo è stato colpito con un coltello all’addome e le ferite sono state fatali. I medici, infatti, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

Da capire se la morte del giovane è avvenuta immediatamente oppure l’allarme è stato lanciato in ritardo. Tutti passaggi che gli inquirenti proveranno a chiarire nelle prossime ore con l’aiuto del medico legale e con le dichiarazioni di amici e parenti del ragazzo.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Le indagini

Indagini non hanno mai escluso nessuna pista ma si sono sempre indirizzate verso un omicidio con un movente passionale. Gli inquirenti, infatti, hanno fermato l’ex della fidanzata che era all’interno dell’ex mulino oltre ai due. La giovane è stata ascoltata una volta e, molto probabilmente, nelle prossime ore sarà nuovamente risentita per ricostruire meglio le ultime ore prima dell’omicidio.

Il fascicolo aperto dagli inquirenti servirà ad individuare il movente della morte del 20enne e l’arma del delitto. Una vicenda che ha ancora diversi punti da chiarire e nei prossimi giorni saranno effettuati tutti gli approfondimenti del caso. Diverse le ipotesi ancora al vaglio degli inquirenti.


Busto Arsizio, operaio di 49 anni morto schiacciato da un tornio. Landini: “Sta morendo una persona al giorno”. Grave una donna nel Trevigiano

Caso Grillo, la testimonianza dell’amica della vittima