Possibile omicidio a Sassari. Il cadavere di un uomo di 47 anni è stato rinvenuto in una casa. Indagini in corso.

SASSARI – Possibile omicidio a Sassari. Nelle prime ore di venerdì 23 aprile è stato rinvenuto il corpo senza vita di un barista in una abitazione. Secondo le prime notizie riportate dai media locali, il cadavere presentava una ferita alla testa e l’ipotesi più probabile sembra essere quella di un omicidio.

La Procura ha aperto un’indagine per ricostruire meglio quanto successo e cercare di risalire all’identità dell’eventuali killer. I punti da chiarire sono diversi e nelle prossime ore saranno ascoltati parenti e amici per provare a capire se in passato ha avuto litigi o discussioni con altre persone.

L’allarme lanciato dal nipote

L’allarme è stato lanciato dal nipote. L’uomo, infatti, non si è presentato al bar e non rispondeva al telefono. Immediata la chiamata ai vigili del fuoco che sono arrivati sul posto e hanno dovuto forzare la porta. Il corpo senza vita è stato rinvenuto nell’appartamento e i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

Il cadavere presentava una ferita alla testa e per questo l’ipotesi più probabile sembra essere quello di un omicidio. Da ricostruire le ultime ore dell’uomo e, soprattutto, individuare il motivo di questo gesto.

Ambulanza
Ambulanza

Indagini in corso

La Procura di Sassari ha aperto un’indagine per risalire all’identità del responsabile. La porta era chiusa dall’interno e per questo molto probabilmente l’uomo conosceva il suo assassino, ma gli inquirenti preferiscono mantenere il massimo riserbo su quanto successo per non dare vantaggi al presunto killer.

Nelle prossime ore saranno ascoltati amici e parenti per provare insieme a ricostruire le ultime ore prima dell’omicidio. Una vicenda che ha ancora diversi punti da chiarire e presto ci potrebbero essere importanti novità su questo episodio, avvenuto nelle prime ore di venerdì 23 aprile 2021.


Riaperture, Rezza: “Possibile aumento dei casi. Non è un liberi tutti”

Coronavirus, i colori delle regioni dal 26 aprile