Serena Mollicone uccisa nella caserma dei carabinieri di Arce?

Caso Serena Mollicone: stando alla perizia del Ris la studentessa di diciotto anni potrebbe essere stata uccisa nella caserma dei carabinieri di Arce.

Continua a far discutere il caso di Serena Mollicone, la studentessa di diciotto anni morta nel 2001. La ragazza è stata immobilizzata e poi uccisa ma il responsabile dell’omicidio ancora non ha un nome.

Serena Mollicone uccisa nella caserma dei carabinieri di Arce? L’analisi del Ris

La scientifica ha reso noti i risultati degli ultimi accertamenti ed esami compiuti sul corpo della vittima e negli ultimi posti dove era stata la ragazza prima di essere uccisa. Stando ai rapporti del Ris, è possibile che Serena Mollicone possa essere stata uccisa proprio nella caserma dei carabinieri.

I rilevamenti della scientifica mostrerebbero che le tracce di legno e vernice trovate sul corpo della vittima proverrebbero proprio dagli uffici interni della stazione dei carabinieri di Arce.

La ragazza, ritrovata senza vita in un bosco ad Anitrella dopo che era scomparsa nel nulla da due giorni, potrebbe dunque essere stata uccisa nella stazione dei carabinieri.

Serena Mollicone
Fonte foto: https://www.facebook.com/UrbanPostOfficial/

Omicidio di Serena Mollicone: gli indagati

Al momento sono cinque gli indagati. Si tratta dell’ex comandante della stazione di Arce, il maresciallo dei carabinieri Franco Mottola insieme con la moglie e il figlio e il luogotenente Vincenzo Quatrale. Nel registro degli indagati anche  un appuntato dei carabinieri, accusato di favoreggiamento.

Quattro dei cinque indagati devono rispondere a vario titolo delle accuse di omicidio volontario e occultamento di cadavere, mentre per Quatrale l’accusa è quella di  concorso morale nell’omicidio e per istigazione al suicidio.

I sospetti sulla caserma dei carabinieri dopo il suicidio di Santino Tuzi

Gli investigatori avevano iniziato a indagare sui militari della caserma di Arce dopo il suicidio di Santino Tuzi, avvenuto nel 2008. Il carabiniere era in servizio nel giorno della scomparsa di Serena che, stando agli inquirenti, si sarebbe recata di sua spontanea volontà in caserma per sporgere una denuncia. Da qui inizia un giallo ancora da risolvere.

Di seguito il video dell’intervista del padre di Serena Mollicone:

ultimo aggiornamento: 30-09-2018

X