Omicidio a Torino. Un uomo di 52 anni è stato trovato morto nella cantina di una abitazione. Il corpo presentava una ferita alla testa.

TORINO – Omicidio a Torino nella giornata di domenica 27 giugno. Un uomo di 52 anni è stato trovato senza vita nella cantina di una abitazione con una ferita alla testa. La Procura ha aperto un’indagine per accertare meglio quanto successo e provare a ricostruire meglio la dinamica di questa vicenda.

Nelle prossime ore saranno interrogati gli amici e i parenti dell’uomo per provare a ripercorrere le ultime ore prima dell’omicidio. I punti da chiarire sono diversi e presto ci potrebbero essere importanti novità.

Uomo morto a Torino

Una morte che ha ancora diversi punti da chiarire. Secondo quanto scritto da La Repubblica, il corpo senza vita dell’uomo è stato rinvenuto in un appartamento in pieno centro. I medici non hanno potuto fare altro che accertare il decesso del 52enne.

Il magistrato potrebbe nelle prossime ore autorizzare l’autopsia sul corpo per accertare meglio le cause della morte. Anche se molto probabilmente il decesso è stato causato dalla coltellata alla testa. Massimo riserbo da parte degli inquirenti anche perché ancora si hanno diverse cose da chiarire e solo gli accertamenti potrebbero dare risposte importanti alle domande degli inquirenti.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Ambulanza
Ambulanza

Le indagini

Nessuna pista è esclusa dagli inquirenti. I carabinieri hanno iniziato ad indagare sul passato della vittima per capire se ci sono stati litigi con persone o altre vicende che possono aver portato a questo omicidio. Nelle prossime ore saranno interrogati i parenti e gli amici della vittima per ricostruire insieme a loro i giorni precedenti alla sua morte.

I punti da chiarire sono ancora diversi e gli inquirenti preferiscono non escludere nessuna ipotesi almeno fino a quando non si hanno delle prove certe su quanto successo in questo appartamento di Torino nella giornata di domenica 27 giugno.


Ricciardi: “Contro la variante Delta mantenere le cautele. I vaccini da soli non bastano”

Papa Francesco al prete degli omosessuali: “Dio è il padre di tutti”