Omicidio a Trecate, in provincia di Novara. Un uomo ha ucciso il fratello e poi è scappato in auto. Il killer si è costituito.

TRECATE (NOVARA) – Un omicidio ha scosso il pomeriggio di sabato 2 novembre di Trecate, un paesino in provincia di Novara. Un uomo di 36 anni è stato ucciso dal fratello più grande che poi si è dato alla fuga. La latitanza è durata solo qualche ora visto che intorno alle 18 il killer si è costituito ai carabinieri. Nelle prossime ore l’interrogatorio di garanzia per cercare di capire i motivi di questo omicidio che restano oscuri.

Omicidio a Trecate, 36enne ucciso dal fratello

L’allarme è scattato nel primo pomeriggio di oggi. Il fratello della vittima si è presentato armato nella casa della vittima dove viveva insieme alla madre dopo la separazione con la moglie. Il 40enne improvvisamente ha aperto il fuoco nei confronti dell’uomo che è morto sul colpo.

Inutile i tentativi da parte dei soccorritori che non hanno potuto fare altro che dichiarare il decesso. Il magistrato ha autorizzato l’autopsia sul corpo della vittima per accertare meglio le cause della morte. L’uomo è scappato in auto subito dopo la sparatoria ma nel tardo pomeriggio si è presentato dai carabinieri costituendosi.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Indagini in corso

La Procura di Novara ha aperto un’indagine sulla vicenda. I motivi di questo omicidio non sono chiari e nelle prossime ore è in programma l’interrogatorio di garanzia con il killer che dovrà spiegare i motivi di questo gesto. L’ipotesi più probabile sembra essere quella di una lite dovuta a problemi economici ma non si esclude nessun’altra pista.

Gli inquirenti dovrebbero ascoltare anche i parenti e gli amici dei due per cercare di capire se in precedenza c’erano stati altri litigi tra i fratelli. Un omicidio che ha sconvolto l’intero centro di Trecate.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cronaca omicidio trecate sparatoria trecate

ultimo aggiornamento: 02-11-2019


Allarme terrorismo in Italia, ricercati due soggetti. Potrebbero agire in stile Bataclan

Incendio in un capannone vicino Anagni. Il Comune: “Tenete le finestre chiuse”