Omicidio a Trevignano Romano. Un uomo ha ucciso la madre e la vicina di casa. Indagini in corso.

TREVIGNANO ROMANO (ROMA) – Omicidio a Trevignano Romano nella giornata di domenica 6 giugno 2021. Un uomo tossicodipendente avrebbe ucciso la madre e la vicina di casa al culmine, molto probabilmente, di una lite. Il presunto omicida, pregiudicato e residente nel palazzo della tragedia, è stato fermato dai carabinieri e sottoposto al trattamento sanitario obbligatorio dai sanitari.

Sono in corso tutte le verifiche del caso e nelle prossime ore l’uomo sarà ascoltato dagli inquirenti per accertare la dinamica di questo omicidio e il movente di questa tragedia familiare.

Dramma a Trevignano Romano, uomo uccide la madre e la vicina di casa

La ricostruzione di quanto successo è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo quanto scritto da La Repubblica, intorno alle 13 di domenica 6 giugno un uomo tossicodipendente ha ucciso la madre e la vicina di casa. Immediata la chiamata agli inquirenti e al personale medico per soccorrere le due donne.

Gli uomini del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della madre del presunto omicida e della vicina di casa. Non è ancora chiaro il motivo di questo omicidio e nelle prossime ore gli inquirenti ascolteranno il fermato per provare a ricostruire la dinamica della tragedia familiare.

Carabinieri
Carabinieri

Un fermo

Il fermato, come scritto dal quotidiano italiano sul proprio sito, è stato sottoposto al trattamento sanitario obbligatorio subito dopo il fermo ed è in attesa di essere interrogato dai carabinieri della compagnia di Bracciano per poter avere maggiori indicazioni su quanto successo.

Il presunto omicida è conosciuto dagli inquirenti per avere dei precedenti penali ed era tossicodipendente. Non è chiaro il movente della tragedia e tutte le piste sono ancora aperte. Ma l’ipotesi più probabile sembra essere quella di una questione economica e presto ci saranno importanti novità.


Sparatoria tra italiani a Ibiza, due feriti. Il ricercato si è costituito

I numeri dell’emergenza coronavirus, il punto della settimana